Calcio: Il riepilogo della 34/a giornata del Girone C di Serie C

Pubblicato il autore: Enzo La Piana Segui

La Juve Stabia vola verso la serie B. Tra alti e bassi il Catania e il Catanzaro. Punti importanti anche per Rieti e Sicula Leonzio. In casa Reggina esonerato Drago, al suo posto ritorna Cevoli.

 

Mentre ha riposato la Viterbese, la Juve Stabia è tornata a vincere battendo il Trapani per 2-0 che le permette di avvicinarsi sempre più verso la  Serie B. Tra alti e bassi, invece, il Catania e il Catanzaro: i primi superano il Bisceglie, mentre i secondi si fanno rimontare dalla Virtus Francavilla e alla fine perdono per 3-2.  Rende-Matera  3-0 a tavolino,  mentre un Monopoli corsaro vince a Casertana  0-1. Punti importanti  anche per Rieti e Sicula Leonzioche hanno espugnato di misura rispettivamente i campi della Paganese e della Reggina.

I siciliani della Sicula,, ha inflitto alla squadra dello Stretto una sconfitta 0-1 che pesa tantissimo, visto che la gestione Drago appare inevitabilmente un fallimento.

La prima sconfitta interna della sua gestione, è firmata dal centrocampista Marano, al 28′. La sola traversa di Strambelli è stata di fatto troppo poco vista l’assoluta assenza di idee concrete.

L’undici amaranto, a fine  gara, è uscito dal rettangolo di gioco del Granillo con la maglia bagnata non dal sudore, ma dall’ acquazzone che si è abbattuto sul finire del primo tempo. E’ stato un match che ha messo in mostra un collettivo, senza anima, senza idee, senza mordente e con i cambi che hanno lasciato molto perplessi.

Certamente un bottino troppo povero quello raggiunto dal tecnico crotonese, la cui gestione fatta eccezione per il 3-0 sul Catania, non è mai decollata, mentre a fine gara, la squadra è stata subissata dai fischi di una Sud imbufalita.  Com’era prevedibile, è giunta, la decisione del presidente Gallo : “Drago viene esonerato per mancanza di risultati”. Al suo posto ritorna Cevoli.                                                                                                                                                                            

                                                                                 

 

  •   
  •  
  •  
  •