Calciomercato: Milan interessato a Insigne, ma i tifosi insorgono

Pubblicato il autore: Laurapetringa

Calciomercato Milan. In questi giorni gira la voce che il Milan sarebbe interessato a  Lorenzo Insigne, momentaneamente in rotta con Ancelotti, e per prendere l’attaccante la somma che sarebbe disposto a dare è di circa 40 milioni più Suso ( che costò all’epoca 200 mila euro), per un totale di 80 milioni. Insigne, classe 1991, attaccante del Napoli, durante il match contro l’Atalanta è stato lasciato in panchina e durante la sfida di Europa League contro l’Arsenal, era stato invaso dai fischi dei tifosi. Un pessimo rapporto quindi con ct e tifoseria. Fino allo scorso anno era stato seguito da Raiola, ma con il cambio di proprietà è riuscito a risolvere le divergenze. Il  procuratore, che cura gli interessi anche di Gigio Donnarumma e Giacomo Bonaventura, dovrà presto incontrare anche il Napoli per discutere del futuro dell’attaccante. La tifoseria del Milan però non l’ha presa molto bene. Il Mattino‘ ha sottolineato come per il giocatore non sia un bel momento e, come l’addio al Napoli a fine stagione starebbe prendendo sempre più corpo.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio 2023, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!

Le reazioni dei social 

Sui social le reazioni sono le più’ disparate, ma tutte negative. “Spero sia soltanto una voce giusta a metà: ok via Suso ma NO a#Insigne!” o anche: “Se questo è l’esterno per andare a giocare la Champions stiamo freschi” oppure: “Insigne è sopravvalutato, preferisco Bergwijn che costa di meno ma dà di più”. E ancora : “Se viene Insigne io giuro che smetto di seguire il Milan, Insigne con la maglia del Milan non lo voglio nemmeno morto quel coso alto 1 metro” o anche: “Insigneeeeeee??????? Per carità, vediamo di scansare st’altro fosso”.

E ancora: “Non è un profilo che può piacere a questa dirigenza. Non futuribile e con valutazione assurda” o anche: “Per 100 milioni mi compro un’ala decente che sia più alto di 1,20”.  “Deulofeu a 20 mln è 10 volte più forte di Insigne”, ma anche “Insigne ha i piedi buoni, il suo problema è la testa, sparisce nelle partite che contano. O meglio, più che sparire cerca di salire in cattedra, ma inizia ad andare in panico e a sbagliare i tiri, i passaggi, i controlli, i dribbling, insomma, tutto”. Anche qualche commento positivo: “Insigne con Sarri, era un altro giocatore. Con Ancelotti sta rendendo meno. Abbiamo Borini, Calhanoglu e Suso che manco so esterni, e facciamo gli schizzionsi per Insigne?”.

  •   
  •  
  •  
  •