Mihajlovic lascia Bologna, il medico: “non poteva rimanere qui, ora è a Roma”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

La situazione coronavirus in Emilia Romagna è drammatica: 2644 contagiati e 40 deceduti solamente oggi. Numeri che allarmano tutta la regione romagnola. L’allarme si estende maggiormente verso quelle persone che hanno problematiche pregresse come l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic.

Il serbo sta combattendo duramente con una malattia tra le più terribili in assoluto: la leucemia. L’ex Lazio è un combattente e in questi mesi si è approcciato con dignità e forza difronte a questa terribile malattia. Sinisa ha continuato ad allenare, raggiungendo risultati importanti con il suo Bologna. Ora però, restare in Emilia per lui era un qualcosa di non praticabile per la sua salute.

Il dottor Marchesi ha annunciato di aver voluto allontanare da Bologna l’allenatore dei rossoblu, mediante un’intervista a E TV:

Sinisa è un combattente ma con il coronavirus non può correre rischi. Abbiamo quasi dovuto insistere per mandarlo via, sennò sarebbe rimasto qui per l’attaccamento che ha al Bologna. Ora è tranquillo a Roma ma è importante che non venga intaccato, perché con persone che hanno avuto il suo problema con questo virus, non abbiamo casistiche”. 

Sinisa è dunque in questo momento a Roma con la famiglia, vigile e attento come sempre. Pronto a tornare in panchina una volta che tutto sarà finito.

  •   
  •  
  •  
  •