Considerazioni sulla Supercoppa di Serie C 2019-’20

Pubblicato il autore: Giuseppe Livraghi Segui

Supercoppa di Serie C, “la domanda sorge spontanea” (come direbbe il buon Antonio Lubrano) ed è: quest’edizione di tale competizione verrà disputata?

Vista la situazione relativa al Coronavirus non ancora tranquillizzante, sembra proprio che non sia possibile la disputa dell’edizione 2019-’20 della competizione riservata alle vincitrici dei tre gironi della Serie C, quindi avanziamo una proposta: qualora non fosse possibile la disputa di tale kermesse, sarebbe un bel gesto intitolarla (solo per quest’annata, appunto) alle “Vittime del Covid-19”, assegnandola ex aequo alle vincitrici dei tre raggruppamenti del campionato di terza serie, quindi a Monza, L.R. Vicenza e Reggina.

Quest’opzione consisterebbe in un modo per onorare le vittime di questa pandemia, dove col termine “vittime” si intendono sia i deceduti sia tutti coloro i quali hanno sofferto, quindi anche tutti i contagiati e i loro cari, senza dimenticare tutti coloro i quali (ciascuno con le proprie possibilità e le proprie competenze) hanno fornito il loro fattivo contributo alla lotta contro il virus.

Leggi anche:  Pagelle Inter - Juventus 2-0 : centrocampo dominante, Juve troppe insufficienze gravi.

Per quanto riguarda il fattore meramente sportivo, l’assegnazione della Supercoppa di Serie C ex aequo non comporterebbe alcuna perdita alle tre compagini teoricamente in lizza per la conquista del trofeo, ma consisterebbe in un bel gesto simbolico.

La domanda è la seguente: anziché non assegnare il trofeo, non sarebbe prova di maggiore rispetto e vicinanza intitolarlo alle vittime del virus?

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: