Prva Liga croata, in vetta resiste la “strana coppia” Dinamo Zagabria-Gorica

Pubblicato il autore: Giuseppe Livraghi Segui


Prva Liga croata, in vetta resiste la “strana coppia” Dinamo ZagabriaGorica.

Dopo quattro giornate del massimo campionato, infatti, al vertice della graduatoria troviamo la “tradizionale” Dinamo Zagabria (capace di conquistare 14 degli ultimi 15 “scudetti”, con l’unica eccezione del 2016-’17, quando si impose il Fiume) e la rivelazione Gorica, compagine espressione di Velika Gorica, cittadina di poco più di 60mila abitanti ubicata a sud della capitale.

Questa giornata ha visto il colpaccio esterno della Dinamo Zagabria sugli acerrimi rivali dell’Hajduk Spalato, sconfitti in Dalmazia per 2-1 (con le reti capitoline di Lirim Kastrati al 42′ e di Mislav Orsic al 50′ a rendere vana la marcatura di Stanko Juric, giunta solamente all’88′), mentre il Gorica ha espugnato, anch’esso per 2-1, il campo della Lokomotiva Zagabria: anche in questo caso, doppio vantaggio ospite (prodezze di Kristijan Lovric, a segno al 32‘ e all’85′) e inutile rete dei padroni di casa quasi allo scadere (Fran Karacic all’89′).

Dinamo e Gorica guidano la classifica a quota 12, con le più prossime inseguitrici già distanziate di ben 5 lunghezze: a quota 7 stazionano, infatti, Hajduk e Varazdin, con quest’ultima tornata con l’intera posta da Pola, dove ha piegato per 1-0 (rete di Matej Senic al 37′) il fanalino di coda Istra (ancora a secco di punti).

Nulla di fatto nello scontro diretto della bassa classifica tra Slaven Belupo Koprivnica e Sebenico: uno 0-0 che consente ai sebenicensi di guadagnare il primo punto in graduatoria.

Continua, invece, a deludere il Fiume, travolto per 3-0 in quel di Osijek: in svantaggio già al 5′ (rete di Vedran Jugovic), i quarnerini restano in inferiorità numerica al 36′ per l’espulsione di Zoran Arsenic, incassando la seconda marcatura al 39′ per opera di Petar Bockaj, senza saper reagire e, addirittura, subendo il tris al 75′ (prodezza dell’argentino Ramon Mierez).

Per i fiumani (detentori della Coppa di Croazia) si tratta di un brutto scivolone, che testimonia un inizio di stagione deludente: nelle precendenti tre partite di campionato, infatti, era già arrivata la sconfitta per 0-1 sul campo della Lokomotiva Zagabria, a fronte di due striminzite vittorie casalinghe (entrambe per 2-1) al cospetto del neopromosso Sebenico e dell’Istra Pola, compagini affatto irresistibili e che con ogni probabilità giocheranno fra di loro un “campionato nel campionato” per evitare l’ultima posizione (che condanna alla retrocessione).

I tempi del grande Fiume che nel 2016-’17 riuscì a interrompere il dominio della Dinamo Zagabria sono lontani: in quell’indimenticabile stagione, infatti, i quarnerini furono autori di un loro triplete, aggiudicandosi campionato, Coppa di Croazia e Atlantic Cup.

CLASSIFICA DOPO LA QUARTA GIORNATA: Dinamo Zagabria e Gorica 12 punti; Hajduk Spalato e Varazdin 7; Fiume 6; Osijek e Lokomotiva Zagabria 4; Slaven Belupo Koprivnica 3; Sebenico 1; Istra Pola 0.

  •   
  •  
  •  
  •