Premier League kazaka, Astana-Kairat 0-1: per i giallo-neri di Almaty il titolo è ormai vicinissimo

Pubblicato il autore: Giuseppe Livraghi Segui


Premier League kazaka, Astana-Kairat 0-1: per i giallo-neri di Almaty il titolo è ormai vicinissimo. Facendo suo il confronto diretto coi campioni di carica, il Kairat Almaty compie il passo decisivo verso lo “scudetto” kazako, portandosi a quota 41 punti, con un tranquillizante +14 sull’Ordabasy Shymkent e sullo stesso Astana (che, tuttavia, ha una partita da recuperare), appaiati al secondo posto a quota 27. Il goal che consente alla compagine dell’ex capitale Almaty (la vecchia Alma-Ata del periodo sovietico) di compiere il passo decisivo verso la conquista del campionato porta la firma del bomber Abat Aimbetov, a segno al 31′ e capocannoniere della competizione con 10 reti, a pari merito col brasiliano João Paulo da Silva Araújo (Ordabasy).

Dopo quelli conquistati nel 1992 (nella prima edizione del campionato del Kazakistan indipendente) e nel 2004, quello di questa stagione sarebbe il terzo “scudetto” del Kairat, il quale vanta in bacheca anche nove Coppe del Kazakistan, due Supercoppe Kazake e una Coppa delle Federazioni Sovietiche (datata 1988). Conquistando il campionato, il Kairat tornerebbe al vertice del calcio kazako, di cui fu la compagine guida per tutto il periodo sovietico, durante il quale fu l’unico sodalizio del Kazakistan (per la precisione, della Repubblica Socialista Sovietica Kazaka) a raggiungere la massima divisione dell’URSS, militandoci per ben 24 stagioni (l’ultima nel 1988 e con l’apice del settimo posto raggiunto nel 1986, a tre soli punti da una storica qualificazione alla Coppa UEFA), quando Almaty era ancora la capitale del Paese (e restò tale fino al 1997) col nome di Alma-Ata (che mantenne fino al 1993).

Leggi anche:  Dragusin: il futuro è alla Juventus

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: