Serie B, Monza-Chievo 1-2: colpaccio clivense all’U-Power Stadium

Pubblicato il autore: Giuseppe Livraghi Segui


Serie B, Monza-Chievo 1-2: colpaccio clivense all’U-Power Stadium. Dopo tre pareggi in altrettanti incontri (con SPAL, Empoli e Pisa), il Monza non solo non riesce a conquistare i tre punti, ma incappa nella prima sconfitta stagionale, per mano di un Chievo non certo trascendentale ma di sicuro molto cinico e “quadrato”. La gara si sblocca poco prima della mezz’ora (29′) con Kevin-Prince Boateng, preciso nel trasformare un calcio di rigore concesso per un’infrazione di Leverbe su Finotto: la conclusione dell’ex milanista non lascia scampo all’estremo difensore ospite, che intuisce ma non riesce ad arrivare sulla sfera, che termina in rete alla sua sinistra. Quella che sembra una partita in discesa cambia radicalmente pochi minuti più tardi, a causa dell’ingenua espulsione di Barillà per doppia ammonizione (due “gialli” in pochi minuti, al 36′ e al 43′): stringendo i denti, il Monza riesce a concludere la prima frazione sull’1-0, anche grazie alla traversa che respinge un colpo di testa del clivense Mogos a Sommariva battuto. La ripresa si apre coi brianzoli vicini al raddoppio con Mota al 47′ (azione personale conclusa con un sinistro respinto dal portiere veneto), ma al 49′ arriva la doccia gelata: traversone di Canotto dalla destra, Obi prolunga di tacco e Djordjevic insacca “da zero metri” il pareggio. A quel punto i clivensi ci credono, passando a condurre al 64′ con lo stesso Djordjevic, lesto nell’insaccare una respinta del portiere locale Sommariva su un tiro ravvicinato di Garritano, e sfiorando il tris al 70′ con un palo colpito dal da poco entrato Ciciretti. L’espulsione diretta del clivense Viviani all’83’ ristabilisce la parità numerica, ma i monzesi (troppo macchinosi nella manovra) riescono a rendersi pericolosi solamente al 91′, quando una debole girata di Mota è facile preda del portiere ospite Semper (sempre attento).

Leggi anche:  Inter-Real Madrid streaming live e diretta tv Sky o Mediaset? Dove vedere il match di Champions League

Finisce, quindi, col successo veneto per 2-1 su un Monza ancora alla ricerca della prima vittoria e fermo a quota tre in graduatoria. Pur con tutte le giustificazioni del caso (tanti elementi indisponibili per via del COVID-19, ai quali all’ultimo si è aggiungo Gytkjaer, fermato da un risentimento muscolare), è ovvio che dalla compagine guidata da Cristian Brocchi ci si aspetti di più. Il prossimo impegno dei “bagai della Brianza” è quello di martedì prossimo in trasferta col Pordenone, nel terzo turno di Coppa Italia: una vittoria sui “ramarri” friulani (anch’essi ancora a secco di vittorie in campionato) consentirebbe sia di continuare il cammino in Coppa sia di presentarsi con maggior serenità e ritrovato ardore alla difficile sfida della prossima giornata di campionato, che vedrà i bianco-rossi ospiti del coriaceo Cittadella. La stagione, comunque, è ancora lunga e basta un filotto di vittorie per cambiare radicalmente la classifica: quale esempio, ricordiamo il Torino 2000-2001, in quartultima posizione all’undicesima giornata e poi vincitore del campionato cadetto grazie a una straordinaria rimonta.

  •   
  •  
  •  
  •