Coppa Libertadores: Palmeiras prima finalista

Pubblicato il autore: Giuseppe Livraghi Segui


Coppa Libertadores
: Palmeiras prima finalista. Pur perdendo in casa per 2-0 la semifinale di ritorno con gli argentini del River Plate, i brasiliani del Palmeiras di San Paolo accedono all’atto conclusivo della massima competizione sudamericana per club, in virtù del 3-0 conseguito all’andata in trasferta. Il confronto casalingo è stato una vera e propria sofferenza per i bianco-verdi, che dopo aver incassato il vantaggio ospite al 29′ per via del colpo di testa (“cabezazo”) di Robert Rojas si sono trovati sullo 0-2 sul finale della prima frazione (44′, realizzazione di Rafael Santos Borré, con un tocco, sempre di testa, da pochi passi), risultato che ha riaperto un discorso qualificazione che alla vigilia pareva ermeticamente chiuso. I secondi 45 minuti hanno visto gli argentini sognare il tris al 55′, al 77′ e al 100′: nel primo caso per una rete annullata per fuorigioco a Gonzalo Montiel, nel secondo per un calcio di rigore (intervento di Alan Empereur su Matías Suárez) prima concesso e poi revocato, quindi per un altro tiro dagli undici metri inizialmente assegnato per un affossamento di Benjamin Kuscevic su Rafael Santos Borré ma poi annullato per via di un fuorigioco del giocatore ospite. Queste tre azioni hanno visto quale principale protagonista l’arbitro uruguaiano Esteban Ostojich, che in tutti questi tre casi ha deciso avvalendosi del VAR. Surreale il primo rigore, con Montiel già sul dischetto, ma costretto ad aspettare la nuova decisione del direttore di gara (impegnato al monitor).

Pur soffrendo oltremodo e con uno strascico di roventi polemiche, i “verdi” di San Paolo accedono alla finale, che li vedrà opposti alla vincitrice del confronto tra i loro connazionali del Santos e gli argentini del Boca Juniors, che si affronteranno stasera alle ore 19:15 locali (le 23:15 italiane), partendo dallo 0-0 della gara d’andata a Buenos Aires. Per il Palmeiras si tratta della quinta qualificazione alla finale di Coppa Libertadores, dopo quelle raggiunte nel 1961, nel 1968, nel 1999 e nel 2000, delle quali solamente una conclusa con un successo: quella del 1999, al cospetto dei colombiani del Deportivo Cali, vittoriosi per 1-0 all’andata in casa propria, ma piegati al ritorno in Brasile per 2-1 e capitolati (4-3) dopo i rigori. Fondato il 26 agosto 1914 da immigrati italiani quale Palestra Itália, il sodalizio paulista adottò il corrente nome il 13 settembre 1942, per via dell’entrata in guerra del Brasile contro le forze dell’Asse (delle quali l’Italia faceva parte): il vecchio nome di Palestra Itália rimase quale denominazione dello stadio, poi costruito ex novo nella medesima posizione e inaugurato nel 2014 quale “Allianz Parque” (ma informalmente tuttora noto col nome originario).

Leggi anche:  Rivoluzione Toro, Nicola e Ventura gli uomini della promozione!

 

 

  •   
  •  
  •  
  •