Juventus-Borussia Dortmund, i precedenti sorridono ai bianconeri

Pubblicato il autore: Carlo Perigli Segui

juventus-borussia dortmund i precedentiA poche ore dal fischio di inizio, è già alta la tensione per un match che può valere un’intera stagione. Juventus-Borussia Dortmund, i precedenti sorridono decisamente ai bianconeri, nonostante l’infausta finale del 1997, che impedì alla Vecchia Signora di centrare la seconda Champions League consecutiva. Dei sette incontri disputati finora, difatti, quella sconfitta, per quanto sonora, rappresenta ad oggi l’unico passo falso della Juventus di fronte ai gialloneri della Westfalia. Il primo incontro tra le due compagini risale al 5 maggio 1993, primo atto della finale di Coppa Uefa, all’epoca strutturata secondo la formula del doppio incontro. Al vantaggio dei tedeschi, siglato da Rumenigge, rispose il pareggio di Dino Baggio, che alzo il sipario allo show di Roberto Baggio, autore di una straordinaria doppietta. Il match di ritorno, con un Borussia Dortmund già demoralizzato, vide la Juventus trionfare per 3-0, con Dino Baggio (doppietta) mattatore della serata ed Andreas Moeller autore del terzo gol bianconero. Sempre la Coppa Uefa, due anni dopo, mise nuovamente le squadre una di fronte all’altra in un doppio incontro, valido questa volta per l’accesso alla finale. Dopo il 2-2 di Torino, con le reti di Roberto Baggio e Kohler a rispondere al doppio vantaggio giallonero, firmato Reuter e Moeller, i bianconeri si imposero in Westfalia per 2-1, grazie ai gol di Porrini e del solito Roberto Baggio. Il terzo ed ultimo doppio incontro risale invece alla fase a gironi dell’edizione 1995/96 della Champions League. La gara di andata, match di apertura della competizione, vide la Juventus imporsi a Dortmund con un sonoro 3-1, segnato da una straordinaria prestazione di Alex Del Piero, autore di un gol e due assist. Il ritorno, con i bianconeri già qualificati e con molti giocatori a riposo, vide invece la vittoria del Borussia Dortmund per 2-1, in un match la cui importanza non è tutto sommato da sopravvalutare.
A rovinare un trend decisamente positivo per la Juventus, c’è la purtroppo indimenticabile finale di Champions League 1996/97. I bianconeri, campioni in carica, vennero colpiti da una doppietta di Riedle a cavallo della mezz’ora, mentre al gol del solito Del Piero, autore di uno splendido colpo di tacco al 64’, risponderà dopo 7 minuti un pregevole pallonetto firmato da Lars Ricken, subentrato a Chapuisat da appena un minuto. Juventus-Borussia Dortmund, i precedenti parlano chiaro, i bianconeri dovranno essere molto vigili soprattutto nei primi minuti del match, fase in cui i tedeschi sono sempre stati letali e tenere un occhio di riguardo verso eventuali “ex” in campo. In questo senso, la presenza in panchina di Ciro Immobile potrebbe essere già una prima buona notizia.

 

  •   
  •  
  •  
  •