Roma Barcellona Champions League: il piano di Garcia per limitare Messi

Pubblicato il autore: Redazione Segui

roma barcellona

Roma Barcellona di Champions League è alle porte, visto che si giocherà domani 16 settembre alle ore 20.45, in uno Stadio Olimpico che vedrà la presenza di soli 500 tifosi catalani. E’ la prima giornata del girone eliminatorio, quindi un’eventuale sconfitta per i giallorossi non sarebbe irreparabile, ma non bisogna dimenticare quanto successo lo scorso anno, quando il Bayern Monaco in Champions League fece 7 gol alla Roma, che da quel giorno vide minate tutte le proprie certezze e non si riprese più, se non nel finale della stagione. Proprio per questo motivo la partita Roma Barcellona di domani è già molto importante. Gli uomini di Garcia devono ancora far capire il loro vero volto: ottima prestazione in campionato con la Juventus, meno buona contro Verona e Frosinone. Ma il secondo posto in classifica c’è, e per il momento basta. Adesso testa alla Champions League.

Leggi anche:  Serie A femminile, questo fine settimana si disputa la dodicesima giornata

Roma Barcellona 16 settembre 2015: come si ferma Messi

Garcia non è uno stupido e, come tutti gli allenatori che lo hanno preceduto, sa benissimo che fermare Messi è impossibile, però lo si può contenere, limitare. Come? Il tecnico francese sta pensando a una mossa tattica a sorpresa, vale a dire giocare con il 4-1-4-1, con De Rossi davanti alla difesa, a protezione dei due centrali che dovrebbero essere Manolas e Castan. E’ proprio per vie centrali, infatti, che il Barcellona e Messi in particolare diventano pericolosi, con i tagli dell’argentino, ma anche di Iniesta. Con una barriera in più formata da De Rossi, aiutato in parte da Nainggolan e Keita, Garcia vuole giocarsi Roma Barcellona in maniera più difensiva rispetto al solito, per evitare l’imbarcata dello scorso anno contro il Bayern Monaco. D’altronde finora chi è riuscito a fermare il Barcellona lo ha sempre fatto così: difesa molto attenta e ripartenze in contropiede. Da questo punto di vista, Garcia punta molto sulla velocità di Salah, l’uomo giusto per mettere in difficoltà la lenta retroguardia catalana.

  •   
  •  
  •  
  •