Bayer Leverkusen-Roma: è 4-4 alla BayArena

Pubblicato il autore: Massimo Scialla Segui

Bayer Leverkusen-Roma
Il pareggio alla vigilia della partita tra Bayer e Roma poteva essere un risultato tutto sommato non troppo negativo, fatti i dovuti calcoli teorici sui punti ipoteticamente necessari per qualificarsi alla fase a eliminazione diretta. Bayer Leverkusen-Roma finisce sì 4-4, ma la Roma ha dei rimpianti enormi: la partita era letteralmente nelle sue mani, ma dalle mani le è sfuggita.

BAYER LEVERKUSEN-ROMA: L’INIZIO SHOCK – Neanche il tempo di prendere le misure per la Roma, che già va sotto: un rigore che definire dubbio è essere generosi con l’arbitro Kassai, fissa il risultato sull’1-0 al quarto di gioco. Firma Hernandez, autore anche del secondo gol al minuto 19: Digne perde un pallone sanguinoso sulla propria trequarti e la difesa giallorossa è lenta a salire per lasciare l’attaccante messicano in fuorigioco. Il Chicharito riceve e si fa chiudere lo specchio da Szczesny, che però gli ribatte addosso: a quel punto è troppo facile siglare la doppietta per l’esperto ex-United.

BAYER LEVERKUSEN-ROMA: LA REAZIONE – L’incubo di andare incontro ad un’altra Borisov ha già attanagliato le menti dei tifosi della Roma giunti in 2500 a Leverkusen, quando la squadra di Garcia cambia marcia: è De Rossi, da capitano, a rimettere in piedi i suoi, prima con un gol su calcio d’angolo grazie all’ottima torre di Manolas, poi con incursione a fari spenti su calcio piazzato battuto da Pjanic.

BAYER LEVERKUSEN-ROMA: L’OTTO VOLANTE – Nel secondo tempo la Roma prova a ripartire da dove aveva lasciato: al 54′ Miralem Pjanic disegna un’altra traiettoria pazzesca, su calcio di punizione dal limite. La Roma arretra il suo baricentro e diventa pericolosissima in contropiede, finalizzandone uno con Yago Falque, dopo azione personale ed assist di Gervinho. Il minuto e il 73′ e la partita sembra essere ormai in discesa per gli uomini di Garcia: niente di più sbagliato. La Roma va incontro ad un altro blackout e subisce due gol nel giro di un minuto e mezzo. Purgano Kampl e Mehmedi: il primo con prodezza da posizione molto angolata, il secondo su una dormita difensiva generale, che coinvolge soprattutto Torosidis e Digne. 4-4 il punteggio finale

BAYER LEVERKUSEN-ROMA: IL GIOCO DEL BICCHIERE – L’amaro che resta in bocca ai tifosi giallorossi dopo un pareggio ottenuto con queste modalità, difficilmente può lasciar spazio a bicchieri mezzi pieni, in considerazione del fatto che la squadra di Rudi Garcia mostra troppe incertezze nel reparto arretrato, troppe. La partita risulta spettacolare a causa dei numerosi errori da parte di entrambe le squadre, ma non bella dal punto di vista del gioco. Alla fine la Roma butta letteralmente alle ortiche due punti che sarebbero stati d’oro, e che avrebbero significato il doppio sorpasso su BATE e Bayer stesso.

BAYER LEVERKUSEN-ROMA: RIPARTIRE – A questo punto i giallorossi altro non possono fare che guardare avanti. La Roma si è giocata l’ultimo jolly che aveva e adesso non potrà più sbagliare nulla nel girone di Champions: diventano obbligatori i 6 punti nelle due partite casalinghe contro tedeschi e bielorussi, ma c’è da guardare anche al campionato. Rudi Garcia dovrà esser bravo a ricompattare i suoi in vista della partita di domenica, alle 18.00, a Firenze contro la Viola capolista.

Di seguito il tabellino della gara:

Bayer Leverkusen (4-3-3): Leno, Donati, Tah, Papadopoulos, Wendell, Kramer (66′ Brandt), Toprak (79′ Yurchenko), Kampl, Bellarabi (57′ Mehmedi), J. Hernandez, Calhanoglu. (25 Kresic, 2 Ramalho, 16 Jedvaj, 17 Boenisch). All.: Schmidt.

Roma (4-4-2): Szczesny, Torosidis, Manolas, Ruediger, Digne, Florenzi (90′ Iturbe), De Rossi, Nainggolan, Pjanic, Gervinho (85′ st Dzeko), Salah (62′ Falqué). (26 De Sanctis, 5 Castan, 13 Maicon, 21 Vainqueur). All.: Garcia.

Reti Roma:  De Rossi, 29′ e 42′; Pjanic, 54′; Yago Falque, 73′.

Reti Bayer: Hernandez, 3′ (rig) e 19′; Kampl, 83′; Mehmedi, 85′.

Arbitro: Kassai (Ungheria). Ammoniti: Nainggolan, De Rossi, Kramer, Wendell.

  •   
  •  
  •  
  •