Sorteggio Champions: coraggio Juve, negli ultimi anni chi ha battuto il Bayern ha vinto (quasi) sempre la Champions

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso

È meglio che Massimiliano Allegri non guardi la classifica

Il sorteggio di Nyon non sorride alla Juventus, che becca il peggior avversario possibile: il Bayern Monaco di Pep Guardiola. I tedeschi rievocano brutti ricordi ai bianconeri, che nell’edizione 2012/2013 furono eliminati dalla competizione proprio dai bavaresi con un doppio 2-0. Per la cronaca il gol del 2-0 allo “Juventus Stadium” venne realizzato da Mario Manduzkic, oggi in forza alla Juve. Tuttavia, in questa sede non vogliamo parlare della gara in se e per se, ma vogliamo dare una piccola speranza a tutti quei tifosi bianconeri che oggi hanno storto il naso dopo l’esito del sorteggio. Infatti, da quando esiste la Champions League (stagione 1992/1993) per 11 volte su 22 chi ha eliminato il Bayern e ovviamente chi l’ha battuto in finale, ha vinto in seguito la Champions. Andiamo a vedere nel dettaglio le 22 edizioni:

Bisogna dire che il Bayern non ha partecipato alle prime due edizioni, vale a dire 1992/1993 e 1993/1994, in quanto all’epoca accedeva alla competizione europea solo la vincente del campionato. La prima partecipazione dei bavaresi alla Champions League è datata 1994/1995. In quell’anno il cammino del Bayern si interruppe nei quarti di finale, dato che i tedeschi vennero sconfitti dall’Ajax di Blind, Davids, Kluivert, Van der Sar, Overmars, Litmanen, Seedorf e chi più ne ha più ne metta. I “Lancieri” in seguito vinsero la Champions League, battendo il Milan per 1-0 nella finale di Vienna, grazie ad un gol di Kluivert.

Nelle due successive edizioni, il Bayern non partecipa alla Champions, salvo ritornarci nel 1997/1998. In questo caso però non si verifica la cabala, dato che il Bayern viene eliminato dal Borussia Dortmund.

Nel 1998/1999 però il Bayern ritorna amuleto degli altri. Finale di Barcellona: Manchester United-Bayer Monaco. Al 90′ i tedeschi sono avanti per 1-0, grazie ad un gol realizzato da Mario Basler nei primi minuti di gioco. Nei minuti di recupero però succede di tutto: prima Sheringham e poi Solskjaer ribaltano in tre minuti la situazione, regalando al Manchester United la seconda Coppa della sua storia.

Nel 1999/2000 la Champions viene vinta dal Real Madrid, che batte per 3-0 a “Saint-Denis” i connazionali del Valencia. I blancos in seminfinale eliminano il Bayer Monaco, grazie al 2-0 del “Bernabeu” e all’inutile sconfitta dell’allora “Olympiastadion” di Monaco per 2-1

Nel 2001 il Bayern vince la Champions, battendo ai rigori il Valencia di Hector Cuper.  L’anno dopo, precisamente stagione 2001/2002, ancora una volta la Champions viene vinta dal Real Madrid di Del Bosque, che in finale batte il Bayer Leverkusen per 2-1. Tanto per cambiare le “merengues” nel loro cammino trovano il Bayern Monaco, che viene eliminato ai quarti finale: vittoria del Bayern all’andata in casa per 2-1 e sconfitta in Spagna per 2-0.

Nel 2003, dopo 7 anni di assenza, un’italiana torna a vincere la Champions. Si tratta del Milan di Carlo Ancelotti che proprio nella finale di Manchester batte la Juve. In quell’anno il Bayern non riuscì a superare nemmeno la prima fase, dato che finì ultimo nel girone con Lens, Deportivo la Coruna e…..Milan, che liquidò i bavaresi con un doppio 2-1 tra andata e ritorno.

Abbiamo poi tre stagioni di stallo, dato che la cabala non si verifica. Nel 2006/2007 però la Champions viene vinta ancora una volta da un’italiana, cioè il Milan, che nella finale di Atene batte il Liverpool per 2-1. Nei quarti di finale di quell’edizione i rossonoeri indovinate chi eliminano ? Ovviamente il Bayer Monaco. Pareggio 2-2 a Milano e vittoria all'”Allianz Arena” con il punteggio di 2-0 grazie ai gol di Seedorf e Inzaghi.

Nel 2007/2008 il Bayer Monaco partecipa alla Coppa Uefa. Viene eliminato in semifinale dallo Zenit che poi puntualmente vincerà la competizione. Questa però è un’altra storia.

Nel 2008/2009 nasce il mito del “tiki taka” dato che il Barcellona, allenato quell’anno da Guardiola per la prima volta, stravince la Champions League, la Liga e la Coppa di Spagna. In finale batte a Roma il Manchester United. Ovviamente sulla sua strada trova anche il Bayer Monaco, che però viene eliminato ai quarti, grazie al 4-0 al “Camp Nou”, con tutti e 4 gol realizzatati nel primo tempo, e al pareggio per 1-1 in terra teutonica.

Il 2010 se lo ricorda bene l’Inter, che nella finale di Madrid batte proprio il Bayern con il punteggio di 2-0 (doppietta di Milito), conquistando il primo e al momento unico “triplete” della storia del calcio italiano.

Dopo un anno di assenza ancora una volta la dura legge del Bayern dà i suoi frutti: finale di Champions League, giocata proprio a Monaco di Baviera. Il Chelsea di Roberto di Matteo, grazie soprattutto a Dider Drogba, batte ai calci di rigore i bavaresi, ottenendo così la prima e al momento unica Champions della sua storia.

Nel 2013, invece, il Bayern Monaco finalmente diventa portafortuna di se stesso, dato che vince la Champions League grazie alla vittoria per 2-1 nella finale di Londra contro il Bayern Monaco,

Chiudiamo il nostro articolo descrivendovi le ultime due edizioni della Champions League: 2013/2014 e 2014/2015

2013/2014: Il Real Madrid dopo un digiuno di 12 anni ritorna a vincere la Champions League, battendo in finale la rivelazione Atletico Madrid con un netto 4-1. In seminfinale però gli uomini di Ancelotti se la vedono con il Bayer Monaco, che proprio in quella stagione ha assunto Guardiola come allenatore.  La gara di andata è abbastanza equlibrata, tanto che finisce con uno striminzito 1-0. Nel ritorno ti aspetti il Bayern e invece ti trovi una Real affamato, che grazie alle doppiette di Sergio Ramos e di Cristiano Ronaldo liquida i tedeschi con un netto 4-0.

2014/2015: l’anno scorso la finale se la sono giocata Barcellona e Juve e ovviamente sappiamo tutti come è andata a finire: vittoria per 3-1 degli uomini di Luis Enrique e secondo triplete della storia per i “blaugrana”. In semifinale, nemmeno a farlo apposta, gli spagnoli eliminano il Bayern dell’ex tecnico Guardiola: 3-0 in Catalogna e sconfitta indolore per 3-2 in casa.

Ovviamente le statistiche nel calcio lasciano il tempo che trovano, certo è che se la Juve dovesse battere il Bayern avrebbe la cabala dalla sua.

  •   
  •  
  •  
  •