Juventus-Bayern, Vidal: “Juve mi manchi, ma devo batterti”

Pubblicato il autore: The Dude Segui

Arturo-Vidal
Per Arturo Vidal Juventus-Bayern sarà una partita speciale. Il cileno, infatti, fa ritorno per la prima volta a Torino dopo la cessione ai bavaresi in estate. A Torino ha lasciato ricordi fantastici e tanti amici. Ma martedì sera non ci sarà spazio per i sentimenti. «Sarà una gara strana –asserisce il 28enne centrocampista–  e fortemente emotiva perché a Torino ho trascorso quattro meravigliosi anni, che mi hanno  permesso di maturare come uomo e come calciatore». E aggiunge: “Adesso, però, difendo i colori del Bayern e darò la mia vita pur di vincere queste due gare e accedere ai quarti di finale”. L’intervista è stata rilasciata al quotidiano tedesco Tz.

Malinconia. La voglia di riabbracciare gli ex compagni di squadra, con i quali ha condiviso gioie e vittorie meravigliose (4 scudetti, una Coppa Italia e due volte la Supercoppa Italiana) è davvero tanta. Così come evidente è la nostalgia che traspare dalle sue parole. “La Juve mi manca molto. Lì ho vissuto quattro anni unici, in cui le persone hanno sviluppato nei miei confronti un profondo affetto, e la cosa è reciproca. Nutro grande affetto anche per i miei ex compagni di squadra con cui mi sento di tanto in tanto.  Di recente ho sentito Martin (Caceres) e Gigi (Buffon), ho un ottimo rapporto con tutti. Sono ansioso di rincontrarli martedì”.

171 presenze, 48 gol nel corso della fortunata esperienza bianconera. Con la Juve Vidal ha sfiorato la conquista della coppa dalle grandi orecchie nella passata edizione, dove i bianconeri si arresero in finale ad un Barcellona avviato verso uno storico triplete. Poi, in estate, il passaggio al Bayern per 37 milioni più 3 di bonus accolto dallo stupore generale dei tifosi, che dopo Pirlo e Tevez vedevano allontanarsi un altro campione. Permane una certa curiosità circa l’accoglienza che verrà riservata al Guerriero da parte dei suoi ex tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sarri ancora non rescinde con la Juventus: ecco perché