Il Guardiola che non t’aspetti, Muller rivela: “Al 90′ ci ha detto se perdete vi taglio le p…”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

mullerSe si vogliono conoscere i retroscena che ci sono tra Pep Guardiaola e il Bayern Monaco non si può non consultare Thomas Muller, indiscusso fuoriclasse tedesco sia dentro che fuori dal campo, avendo un grandissimo rapporto con i media e soprattutto con la popolazione civile che non disdegna di incitare quando vi sono partite decisivi come nel caso del big match contro la Juventus di Allegri.
Divertentissimo il retroscena che Muller racconta dopo la vittoria ai supplementari contro i bianconeri, descrivendo alla stampa e soprattutto al pubblico un Pep Guardiola che non ti aspetti, non che non abbia il tipico carattere caliente ispanico, ma magari non ci aspettiamo, noi del pubblico, di sentirlo dire certe frasi, sicuramente divertenti e pittoresche ma non di gran classe.
Alla domanda del giornalista Sky:

“Beckenbauer sostiene che Guardiola al 90′ vi avrebbe minacciato di castrarvi se non aveste vinto: è andata così?”

Muller senza troppi peli sulla lingua, come è sempre stato il suo stile caliente, nonostante la nazionalità tedesca, ha risposto in maniera dettagliata:

“Sì, qualcosa del genere. Non ha usato la parola ‘castrare’, ma ha detto che ci avrebbe tagliato le palle”.

A poi aggiunta qualcosa a difesa del suo coach, un allenatore che nonostante sia ormai partente ha ancora due traguardi da raggiungere, e non da poco, ovvero il campionato tedesco, dove il Borussia Dortmund si fa sempre più insidioso, e la Champions League, risultano a cui Rummenigge e l’intera dirigenza bavarese tengono moltissimo, forse più che al campionato:

“È chiaro che in quei momenti subentrano tante emozioni. Credo che come allenatore non avrei fatto niente di diverso. Volevamo il terzo gol perché avevamo ancora un po’ di benzina nelle gambe”.

Come biasimare infatti Guardiola, che dopo aver dominato a Torino si è visto rimontare i due gol segnati, causa diverse assenze difensive, e nella partita di ritorno dopo essere stato sotto per 2 a 0, e quindi quasi fuori dalla Champions, ha potuto constatare il grande ritorno della sua squadra, soprattutto dal punto di vista caratteriale? In quei momenti, dominati da forti impulsi passionali frasi del genere sono infatti normali, e vengono dette soprattutto per incitare i calciatori, e non per insultarli.
Un applauso infatti a Pep, e a Muller per la sua bravura e schiettezza.

  •   
  •  
  •  
  •