Real Madrid, Zidane: “Roma? Domani la gara più importante”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

zidane

Vigilia di Champions League in casa Real Madrid con il match valevole per gli ottavi di finale con la Roma, spagnoli forti del vantaggio dell’andata per 2 a 0 all’Olimpico. Da poco è terminata la conferenza stampa di Zidane, ecco le sue parole:

Benzema è infortunato, cambierà modulo?: “Ancora non ho deciso, sto valutando le varie opzioni. Dovremo giocare una gara offensiva. Non so quale squadra schiererò”.

L’obiettivo relativo alla vittoria della Champions la mette sotto pressione?: “Non è impossibile da gestire. Quello che dobbiamo fare domani è vincere. Dobbiamo pensare solo alla gara di domani. Molti pensano sia facile ma non è così, sarà difficile. Dobbiamo giocare bene”.

Mister come sta James Rodriguez?: “Si impegna molto, si allena bene. La cosa più importante è che lui faccia il possibile in campo, è un giocatore talentuoso e gli chiedo sempre di fare di più. Sta migliorando e lo sta dimostrando”.

Qualcuno pensa che Ronaldo dovrebbe essere ceduto, e al Bernabeu si sono sentiti alcuni fischi nei suoi confronti, cosa ne pensa?: “Dico di no, sono l’allenatore e lo voglio in squadra. Anche io sono stato fischiato, accade a tutti. Questo può anche motivare i calciatori”.

Cosa chiede ai tifosi per la gara di domani?: “L’importante sarà essere uniti con loro. Sono sempre stati con noi, ci hanno sempre supportato. Se poi loro non dovessero vedere che giochiamo come vogliono ci fischieranno ma fa parte del calcio”.

La Roma ha vinto 7 gare consecutive. Cosa la preoccupa?: “I giallorossi sono un’ottima squadra ma mi preoccupo di più dei miei giocatori. So che sarà difficile, la Roma è molto forte”.

Leggi anche:  Sky o Amazon? Dove vedere Juventus Chelsea in diretta tv e streaming

Come sta Marcelo?: “È pronto per giocare”.

Spalletti pensa che il Real possa essere battuto: “Dobbiamo concentrarci sulla gara, tutte le partite devono essere giocate. Lo ripeto, se non giocheremo bene potremmo perdere ed essere eliminati, è chiaro. Siamo concentrati e stiamo preparando la gara nel migliore dei modi”.

Punterà su Borja Mayoral?: “Ha giocato tre partite con noi, fa parte del gruppo, ha personalità e voglia di far bene. Bisogna procedere con attenzione, è giovane”.

Bale partirà titolare?: “È pronto per giocare, e questa è la cosa più importante”.

La partita di domani sarà fondamentale per la stagione?: “È la più importante perché è la prossima. Quando si inizia la carriera di allenatore lo si fa per disputare partite come quella di domani. Ho già provato queste emozioni da giocatore, sono sentimenti indescrivibili”.

Cosa ne pensa della situazione relativa al futuro di Francesco Totti?: “Ha fatto cose straordinarie nella sua carriera, lo sappiamo tutti. Lui sa cosa può dare a questa squadra. Ho sentito la sua intervista, ogni volta che può giocare è una gioia per lui ed è giusto che possa approfittare di questo ultimo suo periodo della carriera”.

A Roma pensano che la qualificazione ai quarti sia una missione impossibile: “Non esiste la parola impossibile. Nel calcio le partite devono sempre essere giocate. Dobbiamo fare la partita”.

Leggi anche:  Champions League, dove vedere Milan - Atletico Madrid: diretta TV e streaming, SKY o DAZN?

Poi parola al difensore portoghese Pepe:

Come affronterete la partita dopo il risultato dell’andata?: “Metteremo in campo umiltà, spirito di squadra e voglia di vincere”.

Chi giocherà dal primo minuto in difesa?: “Deciderà il mister, noi dobbiamo soltanto pensare a lavorare duro”.

Cosa vi ha dato Zidane da quando è arrivato?: “Ha lavorato molto sullo spirito di squadra. Sta attento a non perdere tempo con cose che non hanno nulla a che vedere col calcio. Lui è stato un giocatore, sa cosa occorra per lavorare bene. Bravo a ricompattare il gruppo, lui è stato un calciatore mitico nel nostro club. Diventerà tra i migliori allenatori del mondo, non ho dubbi, fatelo lavorare”.

Pensate a non ripetere gli errori fatti contro lo Schalke lo scorso anno?: “Il mister ci ha detto che dobbiamo giocare con serietà, voglia di vincere e spirito di squadra”.

Cosa si aspetta dalla gara di domani?: “Non ho giocato all’andata. La Roma ha giocatori straordinari, bravi in Europa e tra i migliori in Italia. Ha calciatori rapidi sulle fasce e cercheranno di sfruttare questa caratteristica per metterci in difficoltà”.

I fischi a Ronaldo contro il Celta Vigo?: “Per noi è un privilegio giocare con questa maglia. Io ho visto i fan supportarci. La prima metà della gara è stata difficile ma ci hanno supportato. Chiediamo loro di continuare così. Domani sarà difficile, nonostante il vantaggio importante. Ronaldo è primo nella classifica marcatori della Liga ma viene criticato sempre perché non sta bene. Vorrei essere come lui, non stare bene e segnare così tanto. I tifosi devono stare con noi”.

Leggi anche:  Sky o Mediaset? Dove vedere Shaktar Donetsk Inter in tv e streaming

Che contributo dà alla difesa?: “Non mi sento un titolare. Siamo tutti bravi, Ramos ha giocato molto perché ha tanta qualità. Io ho lavorato tanto per convincere l’allenatore a farmi giocare, poi deciderà lui”.

Come deve comportarsi un leader nello spogliatoio?: “Deve comprendere cosa comporti vestire questa maglia. Giocare per il Real è stato un sogno per me, è la mia casa. Il Madrid ha dato tanto a me, io voglio dare tanto a questo club”.

Com’è Zidane come allenatore? Gentile o ha un brutto carattere?: “Ha voglia di vincere. Non significa che abbia un brutto carattere. Noi lo rispettiamo tantissimo, è stato scelto dal presidente. Dobbiamo rispettare il mister e fare ciò che ci chiede e così facciamo”.

Pensate di poter vincere la Champions?: “Dobbiamo concentrarci anche sul futuro. Vogliamo vincere ma siamo consapevoli del fatto che ci sono altre squadre con molta qualità. Dobbiamo dare il 100% e rimanere uniti”.

Il fatto che non siate i favoriti nella Coppa vi rende più pericolosi?: “Vista la storia del Real, siamo sempre pericolosi. Noi calciatori dobbiamo essere consapevoli di questo”.

Preferisce giocare contro una avversario più statico con Dzeko o contro un giocatore più rapido come Perotti? Darà la mano a Keita?: “Sì, non ci sono problemi. Contro Dzeko o Perotti sarà comunque complicato. Dovremo fare bene ciò che ci chiede il mister”.

  •   
  •  
  •  
  •