L’Atletico Madrid elimina il Barca: ora gli uomini di Simeone possono davvero sognare

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

Atletico Madrid
Come è già accaduto due anni fa, l’Atletico Madrid del Cholo Simeone fa fuori il Barcellona ai quarti di finale di Champions League. Allo stadio Vicente Calderon i Colchoneros hanno interpretato il match in maniera impeccabile, difendendo con ordine e agendo in contropiede.
Al resto ci ha pensato il “cholismo”, ovvero la capacità di dare tutto soprattutto se si punta sull’orgoglio. L’Atletico ne ha mostrato tanto, in particolar modo nella ripresa quando la stanchezza ha preso il sopravvento e Griezmann e compagni hanno moltiplicato gli sforzi per portare a casa il risultato.
Messi, Suarez e Neymar si sono fatti imbrigliare dall’organizzazione difensiva di Simeone e di conseguenza non hanno creato grossi pericoli.
Un’impresa questa, che spinge la compagine di Madrid a provare realmente ad alzare la coppa dalle grandi orecchie nella finale di Milano del prossimo 28 maggio.
La tenuta fisica e mentale della squadra è un segnale incoraggiante, infatti se si effettua un paragone con le altre tre rimaste in corsa, l’Atletico sembra la squadra più accreditata in questo momento.
Manchester City e Real Madrid vivono spesso di alti e bassi, mentre il Bayern Monaco sia agli ottavi contro la Juventus, sia ai quarti con il Benfica ha palesato qualche piccolo problema, che rende la corazzata tedesca leggermente meno temibile.

Leggi anche:  La Juve ha messo Saul Niguez nel mirino

Il sogno di tutto il popolo colchonero è quello di giungere a San Siro e incontrare gli odiati rivali del Real Madrid per vendicare la cocente sconfitta nella finale di Lisbona del 2014. Allo stato attuale le merengues non hanno le stesse certezze di quella stagione e contro Roma e Wolfsburg (non proprio due favorite per la vittoria finale) hanno faticato e non poco.
Dunque sembrano esserci tutte le basi per assistere ad una storia che avrebbe dell’incredibile, perché nonostante i biancorossi siano ormai da qualche anno in pianta stabile nell’élite del calcio europeo, vincere contro queste super potenze economiche sarebbe davvero una piccola favola.

  •   
  •  
  •  
  •