Champions, si cambia: dal 2018 arriva la SuperChampions League

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

Champions League
Champions, si cambia: dal 2018 la SuperChampions League – Quattro club per nazione (almeno per i principali campionati), squadre che potranno qualificarsi per meriti storici, nuovo ranking e sorteggi protetti. La rivoluzione Champions sta arrivando. Come riportato da La Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina, dalla stagione 2018/2019 la Champions League cambierà faccia, divenendo “SuperChampions League” con più big e meno piccole squadre. L’obiettivo è aumentare i ricavi del 20% e ridurre la “democratizzazione” avviata dall’ex presidente Uefa Michel Platini.

Cosa cambia con la SuperChampions League – Rivoluzione sì, ma anche tradizione. La nuova Champions manterrà qualcosa del classico impianto. Ci saranno sempre 32 squadre distribuite in 8 gironi. I criteri che verranno toccati dalla grande riforma saranno sopratutto sulla qualificazione. I 4 campionati principali (la Liga spagnola, la Premier League inglese, la Bundesliga tedesca e la Serie A italiana) avranno 4 posti assicurati. Rappresenteranno quindi 16 delle 32 squadre partecipanti. Sul tavolo della Uefa però ci sono anche delle varianti.

La SuperChampions League, i posti riservati per meriti storici – Potrebbe concretizzarsi anche la proposta di far qualificare le prime tre squadre dei 4 campionati direttamente, assegnando poi il quarto posto attraverso il ranking Uefa. La visione romantica del calcio verrebbe così premiata. Ne gioverebbero infatti così i club storici attualmente in crisi. come Liverpool, Manchester United, Chelsea, Benfica, Ajax, Milan e Inter). E le altre? Be’ alle altre resterebbero gli spiccioli. A campionati medi, come quelli di Francia, Portogallo e Russia, andrebbero due posti obbligatori. Ci sarebbero poi altri 5 posti da assegnare tra i cinque campionati che seguono nel ranking (Ucraina, Belgio, Olanda, Turchia e Svizzera). Mancano 5 posti, da assegnare attraverso i preliminari con circa una cinquantina di club a conterdersi la qualificazione. Infine, per quanto riguarda i sorteggi dovrebbe introdursi una particolare regola, detta “sorteggi protetti”, che eviterebbe sfida agli ottavi tra big. Il tutto ora aspetta solo di essere approvato. Da chi? Dal nuovo presidente UEFA, che verrà eletto il prossimo 14 settembre con lo sloveno Aleksander Ceferin dato per favorito.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: