Porto – Roma, le dichiarazioni dei protagonisti nel postpartita. Gli Highliths

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Porto-Roma                                      Porto – Roma, partita terminata con il risultato di 1-1

Buon pareggio in trasferta per la Roma con il Porto. Dal Dragão i giallorossi portano via un buon 1-1. Vantaggio proprio degli uomini di Luciano Spalletti con un autogoal di Felipe, propiziato da un corner battuto da Alessandro Florenzi. Dopo aver sfiorato diverse volte il raddoppio, il match prende una brutta piega per gli ospiti. Vermaelen si prende due cartellini gialli in poco tempo, lasciando i compagni in 10 verso la fine del primo tempo. Risultato? Assedio nella ripresa del Porto, che dopo essersi visto annullato giustamente un goal per fuorigioco, riesce a trovare il pareggio su calcio di rigore, dopo il fallo di mano di Emerson in area di rigore. Batte Andrè Silva ed il Porto agguanta il pareggio. Per come si era messa la partita dopo l’espulsione di Vermaelen, il pareggio è un risultato più che positivo per i giallorossi.

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Spalletti: “Io sono soddisfatto sia del primo che del secondo tempo, mi fa piacere aver visto questa seconda faccia, che non conoscevo. Mi aspettavo questo tipo di partita, mi aspettavo che cominciassimo con personalità, che facessimo la partita. Probabilmente mi aspettavo anche che dopo il vantaggio giocatori esperti e forti come i nostri sapessero gestire di più quei momenti dove gli abbiamo concesso il pallino, in cui abbiamo fatto ripartenze avventate, allungando la squadra, lasciando la gestione e facendo il loro gioco. È tradizione del club trovare giocatori che hanno qualità, estro, che ti si mettono con gli esterni sulle vie di mezzo, che fanno palla sui piedi e palla sopra. Quando abbiamo concesso qualche cosa di troppo a loro ci hanno preso dei vantaggi. Speravo in qualcosa meglio dal punto di vista dell’esperienza. Sono stati bravi dal punto di vista della disponibilità e nella ricerca dei contrasti“.

Juan Jesus: “Abbiamo dimostrato tanta grinta e tanto carattere, possiamo andare lontano, dobbiamo continuare così. Oggi ho giocato in tre posizioni ma non conta, devo fare il bene per la Roma. Il ritorno sarà un match importante, il Porto sentirà la pressione di Roma e dobbiamo fare la nostra partita. Spalletti ci ha detto nel primo tempo che dovevamo continuare a giocare, non ci siamo riusciti e, a parte il rigore, non abbiamo rischiato niente. Sabato vogliamo iniziare bene il campionato perché ci darà fiducia per il match di ritorno”.

Dzeko: Penso che nel primo tempo abbiamo giocato molto bene e potevamo segnare molti altri gol, soprattutto quando siamo rimasti in dieci abbiamo mostrato carattere e di essere squadra”. Hai pensato di buttarti sull’occasione da goal che hai avuto? “No, non ho mai pensato di buttarmi su questa occasione. Non pensavo che Casillas sbagliasse quell’uscita e non pensavo di trovarmi Telles in quel salvataggio. Ho pensato solamente a segnare“. Quale è il vero Dzeko? “Non mi ricordo lo scorso anno. Penso che questa è la nuova stagione e voglio guardare avanti e ad aiutare la Roma. La partita di oggi può essere un buon inizio per la stagione“.

Otavio
: “Dobbiamo andare a Roma per far gol, giocheremo proprio come questa sera. L’obiettivo era tenere il pallone, ma il risultato non è corretto per quello che abbiamo fatto. Giocare la Champions è un sogno e io, come tante altre persone, spero che questo sogno possa diventare realtà“.

Andrò Silva: “Penso sia stata una buona partita contro una grande squadra, abbiamo avuto tante occasioni ma non siamo contenti. Il ritorno? Tutto è aperto, non ci arrenderemo, abbiamo una gara da vincere. L’arbitraggio? Con il calore della partita puoi no nessere sicuro, penso che alcune decisioni potevano girarci a favore, ma è parte del calcio“.

Gli Highlights del match:

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,