Roma, Champions League: gladiatori nella partita di andata

Pubblicato il autore: matteo platania Segui

Una Roma da vergogna quella di Luciani Spalletti che ha afffrontato in casa propria il Porto a viso aperto.Vergogna Roma.
Il sogno romanista cade e questa volta per sempre.
Per loro la Champions League è solo un brutto ricordo da scacciare e speriamo se ne liberino il prima possibile.
Eliminati ai play off per l’ accesso alla Champions, la squadra di Spalletti, ora, punta tutto sul campionato e ci si può dedicare al 100%.
Ma facciamo un passo indietro: La lupa aveva stupito i propri tifosi con la partita  di andata contro il Porto, riuscendo a portare a casa un gran pareggio, che sarebbe stato utile, ma si è rivelato inutile, nel girone di ritorno, ma, ancor di più, con la prima partita che ha inaugurato la nuova stagione della serie A.
I giallorossi erano partiti carichi e volenterosi più che mai:  Era il 17-08-2016 quando disputarono la prima partita, quella giocata contro la squadra allenata da Nuno Espírito Santo.
Allora le formazioni erano le seguenti:
Nelle fila della Roma:
Alisson,  Alessandro Florenzi,  Juan Jesus, DeRossi, Kostantinos Manolas, Vermaelen, Radja Nainggolan, Strootman, Dzeko, Salah, Diego Perotti
Il porto invece ha risposto con:
Casillas, Maxi Pereira, Alex Telles, Danilo Pereira, Felipe Marcano, Héctor Herrera,André André,  André Silva, Otavio e Adrian.
La partita si concluse con un pareggio meritato.
Andarono in vaggio gli ospiti con un autogoal di coscia da parte del difensore Felipe. Era una Roma diversa, aveva voglia di attaccare, aveva voglia voglia di vincere, insomma, aveva voglia di giocarsela.
Sul calcio d’ angolo De Rossi aveva dato fastidio alla difesa assistito da Dzeko, che come un gigante primeggiavsa sugli altri in altezza, ed è proprio grazie a loro che nasce il momentaneo vantaggio giallo – rosso.
Il primo tempo, si conclude, poi la confusione, la tempesta.
La squadra nel secondo tempo entra con la testa sbagliata, forse la superbia e l’ arroganza fanno pensare ai giocatori che la partita ormai è vinta, che il nemico è battuto, ma non è così.
Gli avversari prendono coraggio e si fanno avanti, Andre Silva viene atterrato in modo irregolare da Vermaelent. E’ calcio di punizione, il giocatore era già stato, durante il primo tempo, già ammonito , per cui la squadra, al minuto 47, si ritrova a dover fronteggiare gli avversari con un uomo in meno per tutto il secondo tempo.
Le avventure negative per i nostri eroi non finiscono qui: per merito del guardalinea ad Adrian Lopez viene annullato il goal del momentaneo pareggio per fuorigioco, ma, successivamente, la squadra a strisce bianche e blu riesce a trovare la via del pari; cross dalla sinistra e Juan Jesus, in area, allarga il braccio. Per il direttore di gara si tratta di calcio di rigore.
Dal dischetto si presenta Andre Silva, che deve vedersela con Allison, portiere della nazionale brasiliana, comprato da poco dalla Roma e subito titolare nei play-off.
Andre Silva riesce a portare i suoi sull’ 1-1. La partita terminerà con questo risultato.
I padroni di casa restano con l’ amaro in bocca: non sono riusciti a vincere una partita, giocata per un tempo in tempo in maggioranza numerica.

Leggi anche:  Amichevoli Roma 2021: tutti gli impegni precampionato dei giallorossi
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: