Conferenza Allegri: “Non dimentichiamoci di Mandzukic”

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Mario Mandzukic

La Juventus di Massimiliano Allegri è pronta all’esordio in Champions mercoledì sera contro il Siviglia. Per il mister bianconero è arrivato il tempo delle scelte: “Evra partirà titolare, come Buffon. Ho solo un dubbio a metà campo, con cinque giocatori a disposizione. Devo decidere in base alla lettura della partita, ci sono calciatori che hanno giocato in Nazionale una partita dopo l’altra. La prima partita di Champions è la più importante: si mettono le basi per raggiungere il primo obiettivo, ossia il passaggio del turno. È normale che giochiamo per vincere ogni volta che partecipiamo alla Champions. Si punta sempre al massimo risultato. Il Siviglia ha vinto cinque Europa League nelle ultime 10, gioca in modo diverso rispetto all’anno scorso quando difendeva in modo diverso. Ora loro difendono attaccando, fanno molti gol e noi dovremo avere pazienza. Nella testa c’è un solo obiettivo: portare a casa i tre punti”.
Se alcuni dubbi sulla formazione sono stati sciolti, resta il dilemma dell’attacco. Mario Mandzukic partirà ancora dalla panchina? Ecco la replica di mister Allegri: “Higuain può e deve migliorare, come tutti. Lo dimostra Buffon, che lavora sempre per migliorarsi. Nel reparto d’attacco abbiamo anche Dybala, Mandzukic e Pjaca: Mario è stato fuori con il Sassuolo, ma ha grande esperienza internazionale perché ha vinto la Champions e dovunque è andato ha vinto. È un valore aggiunto per noi”. Massimiliano Allegri ha commentato anche la pressione della Juventus per l’inizio della corsa verso la coppa dalle grandi orecchie sfiorata in finale contro il Barcellona: “Alla Juventus la pressione c’è sempre, perché si gioca per vincere. Ma non bisogna farsi prendere dall’ansia, quando le cose andranno peggio. Non è che diventiamo all’improvviso una squadra di brocchi. Domani contro il Siviglia troveremo difficoltà: portare a casa i tre punti sarà dura, ma dovremo avere umiltà e senso di responsabilità. La Juve vincente in campionato e Champions? Noi non dobbiamo farci trasportare dai facili entusiasmi o dall’euforia all’esterno dello spogliatoio”.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juve Alex Sandro: "Quando non vinci tutti ne parlano"