Milik, Sarri trova il nuovo oro di Napoli che dimentica in poche settimane Higuain

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Milik, Sarri ha una nuova certezza nel suo team, il centravanti polacco che in sole quattro partite ha spazzato via i fantasmi del Pipita Higuain

milik

Milik, Sarri trova il nuovo oro di Napoli

Milik, Sarri ha trovato il suo centravanti, colui in grado di far dimenticare il “traditore” Gonzalo Higuain. Il giocatore polacco in sole quattro partite disputate tra campionato e Champions League ha scacciato via tutti i dubbi legati al suo arrivo. E ora Napoli si gode il suo nuovo bomber.

La Champions League presenta al Napoli Milik, Sarri ha trovato il suo terminale offensivo

Paragonare Milik a Higuain sarebbe un errore gravissimo, in primo luogo perché è difficile paragonare chiunque ad Higuain dopo le 36 reti realizzate nel corso della passata stagione e poi perché i due centravanti intendono la fase offensiva in modo completamente diversa.
Arkadiusz Milik è più un uomo da area di rigore che sicuramente partecipa anche alla manovra offensiva ma non allo stesso modo di Gonzalo Higuain in grado lanciare i compagni verso la porta con una facilità disarmante.
Maurizio Sarri questo lo ha capito sin dal primo giorno che ha avuto Milik a disposizione e, con qualche piccolo accorgimento, ha fatto in modo tale che l‘attacco del Napoli riuscisse ad essere devastante come nelle passate stagioni.

Leggi anche:  Corrado Ferlaino risponde a Cabrini: "Pessotto? Al Napoli non sarebbe mai successo"

Milik alla conquista dell’Europa. Seconda doppietta stagionale per lui

Entrato a partita in corso alla prima di campionato contro il Pescara, Arkadiusz Milik in pochi minuti ha subito fatto capire di che pasta è fatto, tuttavia solo la settimana successiva è riuscito a presentarsi ai suoi tifosi come si deve rifilando una doppietta decisiva al Milan. Il centravanti polacco, però, era consapevole che doveva fare di più per farsi amare dal suo nuovo pubblico e quale migliore occasione se non la Champions League? Pronti via, 47 minuti e due gol che hanno regalato i primi tre punti al Napoli dell’era Sarri in Champions.
Ora, però, non è ancora tempo di restare sul trono, Milik e Sarri lo sanno però sono anche consapevoli che Higuain, ormai, è solo un lontano ricordo

  •   
  •  
  •  
  •