Mourinho e la Champions: “La vittoria con l’Inter il mio ricordo più bello”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
mourinho_con_coppa_2E’ stato un Josè Mourinho nostalgico quello che ha parlato a Sportsmail nel giorno in cui riparte la Champions League. Il tecnico del Manchester United, che vivrà soltanto da spettatore la competizione più affascinante d’Europa, ha parlato dei suoi ricordi legati proprio alla Champions League mettendo in cima a questa speciale classifica fatta di emozioni e gioie l’impresa realizzata con l’Inter nella stagione 2009/2010.  Quella splendida cavalcata è in cima ai pensieri del tecnico portoghese più dell’altra impresa firmata da Mourinho, quella di qualche anno prima con il Porto.  Con la vittoria della Champions League secondo Mourinho si chiuse il cerchio nella carriera di giocatori come Materazzi, Toldo, Zanetti e gli altri senatori di quell’Inter che non avrebbero mai più avuto la possibilità di alzare in cielo la coppa dalle grandi orecchie.

Le dichiarazioni di Mourinho sulla Champions League e l’Inter.

“Il mio ricordo più bello in Champions è la vittoria con l’Inter in finale a Madrid contro il Bayern Monaco. E’ un ricordo ancora più forte ed emozionante di quello scaturito dalla vittoria della Champions League conquistata con il Porto. La squadra portoghese infatti  era una squadra giovane – ha spiegato Mourinho a Sportsmail -, aveva davanti a sé ancora tanti anni per vincere. Se non avessimo vinto quell’anno, probabilmente non avrei lasciato il club ma ci sarei rimasto ancora un paio di anni. Poi, comunque, quella squadra era destinata a vincere perché ancora giovane. L’Inter invece  era una squadra matura, un gruppo di giocatori che avevano desiderato quel successo per un’intera carriera – ha continuato Mourinho -. In loro c’era tanta frustrazione e quella finale era l’ultima occasione per gente come Materazzi, Toldo, Zanetti, Cordoba, Cambiasso per poter alzare in cielo la Champions League . Era un adesso o mai più. E’ stato davvero un viaggio pazzesco. E il presidente Massimo Moratti è stato presidente per diversi anni e non l’aveva mai vinta: è stato fantastico anche per i tifosi, perché l’Inter non era campione d’Europa da quasi 50 anni. E’ stato un sogno che tutti stavano inseguendo. Probabilmente non per me perché avevo già vinto prima, ma per tutti loro: era l’ultima possibilità di raggiungere il loro sogno”.

  •   
  •  
  •  
  •