Pagelle Napoli Benfica: ecco i voti degli azzurri

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

primopiano_napoli_benfica
Il Napoli di Sarri
asfalta una big europea e si porta in testa al suo girone: sei punti in due partite e tanto spettacolo per i tifosi azzurri.
Un’ora al top
, e le incertezze di un Julio Cesar da incubo, garantiscono un buon margine sulla seconda del gruppo. Attualmente la classifica vede il Napoli in testa con sei punti, il Besiktas a due, Dinamo Kiev e Benfica a uno.

Ecco le pagelle degli uomini di Sarri:

Reina 6,5 – Una sola parata su Mitroglu, ma decisiva. L’intervento arriva in avvio di gara e consente ai partenopei di preservare lo 0-0. Il portierone spagnolo mette le basi per la vittoria contro i lusitani.

Hysaj 6 – Va detto che le azioni avversarie si sviluppano principalmente sulla corsia opposta, ma l’albanese svolge il suo compito senza sbavature. Si lascia andare anche a qualche numero interessante.

Leggi anche:  Champions League, in Siviglia-Chelsea il VAR sarà da remoto

Albiol s.v. – Brutta tegola per il Napoli. Un infortunio nei primi minuti costringe lo spagnolo Albiol ad abbandonare anzitempo il terreno di gioco. Dall’11′ p.t. Maksimovic 6,5 – L’ex Torino festeggia nella maniera migliore il suo esordio. L’anno scorso l’infortunio di un titolare avrebbe devastato la retroguardia azzurra, ora no.

 Koulibaly 6,5 – Una certezza, un muro. Gioca con la consueta autorità e fa valere la sua supremazia fisica sugli attaccanti avversari.

Ghoulam 6,5 – si fa notare sulla corsia mancina, sfornando assist a ripetizione. Qualche errore sul finire di gara ma l’incontro era ormai chiuso: si perde Salvio nel finale, concedendo ai lusitani di accorciare le distanze.

Allan 6,5 – Sembrava non dovesse scendere in campo, in realtà si rivela basilare per la vittoria del Napoli. Il suo pressing asfissiante toglie il respiro alla linea mediana dei lusitani.

Leggi anche:  Probabili formazioni AZ Napoli: Insigne e Mertens partiranno dalla panchina

Jorginho 6 – Solita regia sapiente che consente agli azzurri di tenere alto il baricentro. Una sua ingenuità colossale regala ai portoghesi il gol del momentaneo 4-1.

Hamsik 7 – Sblocca la partita con un guizzo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, poi sale in cattedra e insegna calcio. quando tocca la palla fa brillare gli occhi ai tifosi del San Paolo: monumento e idolo indiscusso di una città.

Callejon 6,5 – Compie un grande lavoro in entrambe le fasi del gioco, guadagnandosi anche il penalty che chiude i giochi. Dal 24′ s.t. Insigne 6 – Entra a partita ormai chiusa, ma prova ugualmente a creare i presupposti per il quinto gol.

Milik 7 – Si sacrifica molto per i compagni e agevola gli inserimenti degli esterni con il suo moto perpetuo in fase offensiva. Si rivela anche freddissimo dal dischetto, realizzando la sua terza marcatura in Champions. Sarà lui il rigorista del Napoli?

Leggi anche:  Acceso scontro in radio tra Cruciani e Maradona junior

Mertens 7,5 – Dopo una prima frazione in sordina, nella ripresa si accende improvvisamente e diventa straripante. Si guadagna e trasforma una punizione dal limite dell’area, poi mette a segno anche il gol del parziale 4-0 da autentico rapace d’area di rigore. Esce tra gli applausi nel finale. Dal 37′ s.t. Giaccherini s.v. – Pochi minuti a sua disposizione per l’esordio in maglia azzurra.

All.: Sarri 7 – Due vittorie nelle prime due partite di Champions. Non male per un neofita della competizione. Se a Kiev il Napoli ha vinto senza brillare, stasera il Benfica è stato letteralmente annichilito.

  •   
  •  
  •  
  •