Champions League Napoli, Sarri carica Gabbiadini in vista del Besiktas. La storia chiama

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Champions League Napoli, Sarri non fa drammi dopo la sconfitta del San Paolo contro la Roma. Il tecnico azzurro vuole subito rifarsi contro il Besiktas e carica i suoi ragazzi con Gabbiadini in prima linea

sarri

Napoli, Sarri fiducioso per la partita di Champions League contro il Besiktas

Napoli punto e a capo. Dopo la sconfitta in campionato contro la Roma, Maurizio Sarri non ha voluto fare alcun dramma perché ha visto la sua squadra sul pezzo e carica; il tecnico toscano è consapevole che ogni partita fa testo a se e ci può essere la giornata storta perché errori come quelli visti sabato pomeriggio non  sono all’ordine del giorno in quel di Napoli ed è, dunque, giusto voltare subito pagina per poter ripartire e perché no,con un pizzico di fortuna, chiudere il discorso qualificazione Champions League che aumenterebbe ulteriormente la stima di un gruppo forte in un periodo non propriamente idilliaco.

Ultime Champions League Napoli, Sarri non fa drammi e si affida ancora a Gabbiadini

Uno dei peggiori in campo contro la Roma è stato senza ombra di dubbio Manolo Gabbiadini, il centravanti di Brescia non è mai stato pericoloso e in 56 minuti di gioco riuscendo a tirare in porta una sola volta apparendo, inoltre, fuori partita e in tante occasioni anche spaesato.
Questo, però, per Gabbiadini è un momento cruciale della stagione e della sua carriera, Sarri lo sa e per questo, assieme a Giuntoli, lo stesso tecnico ha voluto ribadire la sua totale fiducia nel ragazzo che per la partita di Champions League contro il Besiktas sarà affiancato dal solito Callejon e Mertens destinato a prendere il posto di Insigne, ancora un parente lontano del ragazzo visto nella scorsa stagione.
Niente drammi, dunque, per Maurizio Sarri che ha preferito non punire i suoi, anzi vuole i tre punti, magari sperando anche nel pareggio tra Dinamo Kiev e Benfica, cosa che se accadesse qualificherebbe direttamente agli ottavi di finale con tre turni di anticipo la squadra azzurra, facendola entrare di diritto nella storia e pensandoci bene il colpo non sarebbe per niente male per una squadra che negli ultimi due turni di campionato è uscita ridimensionata tra Atalanta e Roma.

  •   
  •  
  •  
  •