Lione-Juventus 0-1: le voci dei protagonisti

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
Logo Champions League

Logo Champions League

LIONE-JUVENTUS – Nella terza giornata di Champions League 2016-2017 la Juventus espugna il Parc OL battendo i padroni di casa del Lione con il risultato di 1-0 grazie alla rete di Cuadrado al 76′, autore di un gol fantastico con un destro da posizione defilata rispetto allo specchio della porta. Eroe della serata è stato sicuramente Gianluigi Buffon, che si è reso protagonista con tre parate fondamentali: tra queste, un calcio di rigore parato a Lacazette al 34′. Nella ripresa espulso Lemina per doppia ammonizione.

Lione-Juventus 0-1: le voci dei protagonisti

MASSIMILIANO ALLEGRI, ALLENATORE JUVENTUS: “POSSIAMO GIOCARE MEGLIO” – Intervistato da Mediaset nel Post Partita di Lione-Juventus, ecco come il tecnico bianconero analizza la vittoria francese: “L’Importante era vincere, dopo tre gare abbiamo sette punti, non abbiamo subito gol, questo grazie a Buffon. Nel primo tempo abbiamo corso poco in verticale, poi l’arbitro ci ha tolto un uomo e siamo stati bravi a giocare meglio, non era facile, vincere in trasferta non è mai semplice. Benatia ha giocato sabato e non volevo rischiarlo, Evra si trova bene in quella posizione, Lemina lo volevo per una partita fisica. Cuadrado sabato ha giocato da mezzala e ha fatto bene, è un giocatore importante, le partite si possono vincere dal settantesimo in poi, se giocava dall’inizio magari non avevo un cambio. Se abbiamo sofferto nella velocità? Nel primo tempo abbiamo sofferto molto nelle ripartenze, giocavamo troppo palla addosso poi abbiamo perso nei palloni corti, poi nella seconda frazione e’ andata meglio. Rigore di Bonucci? Lo ha causato e ci ha salvato Buffon, ma bisogna cercare di giocare meglio, essere più sereni, non aver fretta, quando trovi una squadra chiusa devi essere bravo ad aspettare, era già successo con l’Udinese quando abbiamo rischiato. Ringrazio l’arbitro che ci ha tolto un uomo e ci ha aiutato è fatto giocare meglio, dobbiamo giocare meglio come velocità di passaggio, se non corriamo come fa il Milan sarà difficile: giocano bene, sono giovani e molto bravi”.

GIGI BUFFON, PORTIERE JUVENTUS: “NON C’E’ BISOGNO DI MANCARMI DI RISPETTO PER ALCUNI ERRORI COMMESSI DURANTE LA MIA CARRIERA” – Ai microfoni di Juventus TV, il Capitano bianconero analizza così il successo ottenuto in trasferta contro il Lione: “Pensavo di prendere la gara con le molle, sono una squadra di qualità con esperienza europea, protagonisti in questi quindici anni, vincere voleva dire mettere un’ipoteca sul passaggio del turno, in undici contro undici non pensavo di poter perdere, poi in dieci pensavo che potesse accadere ma abbiamo dato una buona risposta di compattezza, come detto prima secondo me, dobbiamo fare dei passi in avanti se vogliamo essere protagonisti in Europa. Al gol Non ho esultato perché mancava tanto alla fine e non volevo perdere energie, la situazione lo richiedeva lo dovevo ai compagni, alla società, ai tifosi che con me sono encomiabili. I miei errori? Mai detto che nessuno mi dava per morto, nessun funerale. So senza presunzione essere autocritico, non c’è bisogno che qualcuno diventi spocchioso entrando e mancando di rispetto della persona e della sua carriera, non mi sono mai omologato con gli altri, io ho sentito solo una cosa giusta tra le varie stupidate, io da Buffon pretendo di più”

  •   
  •  
  •  
  •