Napoli, lo scenario qualificazione agli ottavi di Champions

Pubblicato il autore: Nello Simonetti

napoli-dinamo-kievBattere la Dinamo Kiev per garantirsi l’accesso agli ottavi. Purtroppo, per il Napoli, non è esattamente così. Lo scenario qualificazione, complice il misero punticino raccolto nel doppio confronto con il Besiktas, potrebbe essere molto più complicato del previsto, anche in seguito ad un successo contro gli ucraini. Proviamo a fare luce sulla situazione nel gruppo B, cercando di ipotizzare tutte le soluzioni ed il possibile scenario qualificazione. Il Napoli, pur frenando bruscamente dopo l’ottimo avvio, con le due vittorie ottenute nelle prime due sfide, mantiene il primato del girone grazie alla vittoria nello scontro diretto del San Paolo (4-2) contro il Benfica. Gli azzurri tengono così il naso davanti ai lusitani con i quali sono appaiati in classifica, in questa volata verso il traguardo. Il problema per Sarri e i suoi uomini, è rappresentato dal poderoso ritorno del Besiktas, rilanciato proprio dal doppio confronto con i partenopei, dal quale hanno ricavato quattro insperati punti, grazie ai quali, lo scenario qualificazione, si è maledettamente complicato. I turchi infatti ora inseguono le due battistrada ad una sola lunghezza di distanza e stasera aspettano i campioni di Portogallo nella propria tana per una sfida che si preannuncia accesissima. In cosa deve sperare il Napoli per garantirsi un’ultima sfida a Lisbona senza eccessive preoccupazioni?. Cominciamo a mettere in chiaro, che nessuna delle combinazioni possibili stasera regalerebbe qualificazione e primo posto senza l’obbligo di fare risultato in terra lusitana. Lo scenario qualificazione meno complicato per gli azzurri è rappresentato dalla vittoria del Benfica a Istanbul, con conseguente conquista della matematica promozione agli ottavi per entrambi. Dando per scontata la vittoria contro la Dinamo Kiev, la classifica vedrebbe la squadra di Sarri a quota 10 insieme ai portoghesi, con il Besiktas a 6. Resterebbe solo da assegnare il primo posto, ma il Napoli andrebbe al Da Luz forte del 4-2 del San Paolo, potendosi dunque permettere due risultati su tre a disposizione. Altra ipotesi non negativa è data dalla vittoria del Besiktas, che consentirebbe al Napoli di mantenere il primato, staccando il Benfica di tre punti e mantenendo un punticino sui turchi. A quel punto, a rischiare grosso sarebbero proprio i lusitani, in quanto il Besiktas avrebbe la possibilità di chiudere il discorso qualificazione nell’ultima sfida con la Dinamo, mentre il Napoli potrebbe presentarsi al Da Luz con la duplice opzione di chiudere primo con una vittoria, o accontentarsi anche del secondo posto con un pareggio o addirittura una sconfitta di misura, sempre grazie al 4-2 dell’andata. Uno scenario qualificazione del tutto impensabile dopo le prime due giornate, con i turchi che chiuderebbero al primo posto. La peggiore ipotesi possibile per i partenopei, è il pareggio tra Besiktas e Benfica. In quel caso infatti, qualunque sconfitta al Da Luz significherebbe eliminazione quasi certa, solo un suicidio turco nell’ultimo turno con la Dinamo Kiev potrebbe salvare Hamsik e compagni dall’eliminazione. Si profilerebbe dunque l’obbligo di fare risultato per non incorrere nel rischio di un’altra atroce beffa come quella patita nel 2014 con Benitez, quando nemmeno 12 punti conquistati bastarono per ottenere l’accesso agli ottavi. In questo caso il Napoli sarebbe fuori con 10, ma la sostanza non cambia. Si tratterebbe ugualmente di uno scenario qualificazione anomalo che, ovviamente, si spera di non dover commentare al termine della prima fase.

Leggi anche:  Vice presidente UEFA: "Il Napoli può vincere la Champions, gioca meglio del Real Madrid"
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: