Siviglia-Juve: avvio super degli spagnoli, che restano in dieci e crollano nel finale

Pubblicato il autore: Nicola Digiugno
Jorge Sampaoli (allenatore del Siviglia)

Jorge Sampaoli (allenatore del Siviglia)

Leggendo il risultato, si potrebbe pensare a una passeggiata in terra andalusa. Non è andata proprio così. Anzi. La Juventus ha sofferto, eccome, per quasi tutto il primo tempo. E’ stato un cartellino rosso a segnare la svolta della gara. In dieci, il Siviglia ha perso quel ritmo travolgente che lo aveva portato in vantaggio dopo appena nove minuti dal fischio d’inizio. Frangenti in cui la Juventus ci aveva capito davvero poco o niente. Il gol di Pareja, un jolly pescato dal limite dell’area, sembrava l’inizio di un martedì nero da dimenticare in fretta per i bianconeri senza Higuain e Dybala. Invece, la partita ha assunto un’altra dimensione dopo l’espulsione di Vazquez, a nove minuti dal riposo.
In inferiorità numerica, il Siviglia ha abbassato la guardia col passare dei minuti. E prima del rientro negli spogliatoi, la Juventus è riuscita a trovare il pari su calcio di rigore, trasformato da Marchisio, per un fallo netto ai danni di Bonucci in piena area. Nella ripresa, gli ospiti hanno saputo sfruttare a dovere il giocatore in più, guadagnando spazi importanti in tutte le zone del campo, pur senza strafare. Un incubo dietro l’altro il finale per gli spagnoli, crollati sotto i colpi di Bonucci e Mandzukic. In quei momenti eloquente, in tribuna, il volto del tecnico Jorge Sampaoli, allontanato dall’arbitro dieci minuti dopo l’inizio del secondo tempo per continue proteste.
Con questo 1-3, la Juventus di Massimiliano Allegri accede agli ottavi di finale. Una qualificazione per nulla scontata in una competizione difficile come la Champions league, ottenuta da una squadra ancora alla ricerca del bel gioco, che finora non ha mai incantato né in campionato né in coppa. Nell’altro incontro del girone H, il Lione si è imposto di misura, 0-1, sul terreno della Dinamo Zagabria. La classifica: Juventus 11, Siviglia 10, Lione 7, Dinamo Zagabria 0. Prossimo turno il 7 dicembre, Juventus-Dinamo Zagabria, a Torino. Il Siviglia si recherà a Lione.

Leggi anche:  Ennesimo disastro della Juventus: sconfitta per 0-2 contro il Monza

SIVIGLIA: Rico 5; Mercado 5,5, Pareja 6,5, Rami 6; Mariano 6,5 (32’s.t. Kranevitter), Iborra 6, N’zonzi 6, Vitolo 6,5, Escudero 6; Vazquez 4,5, Vietto 5,5 (1′ s.t. Sarabia 5,5). A disposizione: Sirigu, Carriço, Ben Yedder, Kiyotake e Ganso. Allenatore Sampaoli 5

JUVENTUS: Buffon 6; Dani Alves 6, Rugani 6, Bonucci 6,5, Evra 5,5 (27′ s.t. Sturaro 5); Khedira 5, Marchisio 6, Pjanic 5 (39′ s.t. Kean); Cuadrado 6 (42′ s.t. Chiellini), Mandzukic 6,5, Alex Sandro. A disposizione: Neto, Asamoah, Lemina e Hernanes. Allenatore: Allegri

ARBITRO: Clattenburg (Inghilterra)

NOTE: Espulsi al 36′ p.t. Vasquez, per doppia ammonizione, e al 10′ s.t., l’allenatore del Siviglia, Jorge Sampaoli, per proteste. Ammoniti Mandzukic, Pjanic, Evra, Cuadrado e Iborra. Angoli: 6-5 per il Siviglia

RETI: 9′ p.t. Pareja, 47′ p.t. Marchisio, 39′ s.t. Bonucci, 49′ s.t. Mandzukic.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juventus Next Gen-Vicenza: streaming LIVE e diretta tv Rai Sport?

La situazione negli altri gironi, risultati, partite da giocare e classifica:

A: Ludogorets-Basel (ore 20,45) e Arsenal-Psg (ore 20,45).
Arsenal 10, Psg 10, Basel 1, Ludogorets 1.

B: Besiktas-Benfica (18,45) e Napoli-Dinamo Kiev (20,45).
Benfica 7, Napoli 7, Besiktas 6, Dinamo Kiev 1.

C: Monchengladbach-Manchester City (20,45) e Celtic-Barcellona (20,45).
Barcellona 9, Manchester City 7, Monchengladbach 4, Celtic 2.

D:  Rostov-Bayern (ore 18), Atletico Madrid-Psv Eindhoven (20,45)
Atletico Madrid 12, Bayern Monaco 9, Rostov 1, Psv Eindhoven 1.

E: Cska Mosca-Leverkusen 1-1, Monaco-Tottenham 2-1.
Monaco 11, Bayer Leverkusen 7, Tottenham 4, Cska Mosca 3.

F: Borussia Dortmund-Legia 8-4, Sporting club Portugal – Real Madrid 1-2.
Borussia Dortmund 13, Real Madrid 11, Sporting club Portugal 3, Legia 1.

G: Copenaghen-Porto 0-0, Leicester-Brugge 2-1.
Leicester 13, Porto 8, Copenaghen 6, Brugge 0.

  •   
  •  
  •  
  •