Real Madrid-Bayern Monaco, missione impossibile per Ancelotti?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
real madrid-Bayern monaco

Real Madrid-Bayern Monaco, Ancelotti cerca l’impresa

Real Madrid-Bayern Monaco, andare a vincere sul campo dei campioni d’Europa in carica con due gol di scarto, una missione impossibile anche per uno come Carlo Ancelotti. Oltre tutto il Bayern ha grossi problemi in difesa. Non ci sarà lo squalificato Javi Martinez, espulso nella gara di andata. Anche Boateng e Hummels restano in dubbio. Se il primo sembra totalmente recuperato, per il secondo ci potrebbe essere al massimo la panchina. In compenso torna Lewandowski in attacco. Il centravanti polacco è mancato tantissimo nel match dell’Allianz Arena. In quanto il Bayern non ha un vero e proprio sostituto dell’ex Borussia Dortmund, Muller poi non è un vero nueve e si è visto molto bene contro una difesa forte come quella del Real. Un’impresa, un miracolo, questo serve a Carlo Ancelotti per eliminare il Real Madrid da questa edizione della Champions League. Nella gara d’andata i bavaresi hanno dimostrato di poter fare male ai Blancos. Il tallone d’Achille del Bayern è apparso la difesa. Priva di Hummels ha concesso troppo a Ronaldo e compagni. Per sperare nella qualificazione il Bayern ha bisogno di segnare almeno due gol. A incoraggiare il Bayern il fatto che in questa edizione della Champions il Real Madrid ha sempre subito gol in casa nelle quattro partite disputate al Bernabeu. Il difficile starà non far segnare uno dei migliori attacchi del mondo. Attacco che sarà privo di Gareth Bale. Il gallese resta in dubbio anche per il big match di domenica prossima contro il Barcellona. Una settimana in cui Cr7 e compagni si giocano tutto o quasi, Bayern prima e Barcellona. Il Bernabeu sarà caldissimo, più della Plaza de Toros all’ora di punta, questo è sicuro.

Leggi anche:  Inter, agente di Hakimi: “Sta bene all'Inter ed è concentrato a vincere per questa maglia”

Real Madrid-Bayern Monaco, i precedenti incoraggiano Ancelotti

Quando si deve centrare un’impresa ci si attacca anche alla cabala. Così anche Carlo Ancelotti si aggrappa ad un precedente che può essere bene augurante. Nell’edizione 2013/2014 l’ex tecnico del Milan sedeva sulla panchina del Real che affrontava il Bayern di Guardiola in semifinale. All’andata giocata al Bernabeu vinsero i Blancos per 1-0. Nel match di ritorno all’Allianz Arena ci fu un vero e proprio show del Real. Uno 0-4 memorabile con doppiette di Ramos e Ronaldo. Un successo che fece da preludio a quello finale contro l’Atletico Madrid a Lisbona. Ancelotti si augura che il suo Bayern possa replicare questa sera quella partita. Non sarà d’accordo Zidane che vuole la sua seconda Champions League consecutiva. Doppietta che non riesce dal biennio del Milan di Arrigo Sacchi 1989-1990. In quel Milan giocava anche Carlo Ancelotti. Quell’Ancelotti che segnò il primo gol di quel memorabile 5-0 inflitto dai rossoneri al Real di Butragueno nell’aprile ’89. Altri tempi, altro calcio, altra storia, ma sempre con Carletto protagonista, stasera sapremo se il tecnico di Reggiolo si confermerà ancora l’uomo della pioggia in Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •