Napoli-Shakhtar, gli azzurri devono solo vincere. Sarri: “Voglio anima e cuore”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

https://www.gazzetta.it/Calcio/Champions-League/Napoli/20-11-2017/napoli-sarri-dobbiamo-sentire-pressione-tavecchio-ci-penso-230760622366.shtml


Il Napoli è pronto a scendere nuovamente in campo. Stasera al San Paolo è una sfida da dentro o fuori per gli uomini di Maurizio Sarri che contro lo Shakhtar Donetsk dovranno solo pensare a vincere per sperare di qualificarsi per gli ottavi di Champions League. Il Napoli è reduce dal 2-4 interno contro il Manchester City nello scorso turno di Champions e la situazione nel girone F si è complicata notevolmente. Con una vittoria sullo Shakhtar il Napoli salirebbe a 6 punti a -3 dagli ucraini che in caso di mancata vittoria del City, già qualificato, sul Feyenoord, riaprirebbe il discorso primo posto. Ma gli uomini di Sarri, anche in caso di vittoria, rimarrebbero comunque terzi nel girone e la possibilità di passare il turno arriverebbe solamente in Olanda nell’ultimo match decisivo contro il Feyenoord, ma tutto dipenderebbe dal risultato tra City e Shakhtar.

Leggi anche:  La Figc multa la Juve ed i medici per non aver effettuato i tamponi a giugno

In conferenza stampa, Sarri ci crede: “Non possiamo lasciare così la Champions League senza lottare, dobbiamo giocarcela e sperare. La situazione in classifica è complicata, abbiamo solo uno spiraglio davanti a noi che dobbiamo sfruttare, dobbiamo solo pensare a vincere. Purtroppo non è tutto in mano nostra, non dipende tutto da noi. Non è necessario fare grandi calcoli, dobbiamo vedere come andrà la partita e poi vedremo al 90′ come saremo messi. Voglio vedere in campo anima e cuore per tentare di fare qualcosa di grande contro una squadra che sicuramente ci darà del filo da torcere e che gioca un calcio non banale. Loro sono bravi a giocare in ripartenza e questo mi preoccupa perché la nostra situazione prevede che noi ci scopriremo per tentare di segnare, quindi dovremo stare compatti e provare a fare il massimo possibile. Io non toglierei nessun giocatore dalla loro squadra, a me piace vedere dei calciatori che divertono con le giocate. Ovviamente spero di divertirmi anche vincendo.”

  •   
  •  
  •  
  •