Roma, El Shaarawy ritorna Faraone e fa vedere le streghe al Chelsea

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
El Shaarawy

El Shaarawy, il ritorno del Faraone

El Shaarawy, il ritorno del Faraone. Una notte delle streghe dolcissima per i colori giallorossi. La Roma travolge il Chelsea ed è ad un passo dagli ottavi di finale di Champions League. Agli uomini di Di Francesco bastano ora tre punti per accedere alla fase ad eliminazione diretta della coppa europea più prestigiosa. Grande protagonista della serata dell’Olimpico è stato Stephan El Shaarawy, autore di una doppietta. Momento magico per il Faraone. Tre gol tra Bologna e Chelsea, giocando per di più in un ruolo che mal digeriva fino a poco tempo fa. L’ex milanista ha vissuto un’estate difficile per via di un fastidioso mal di schiena. Poi però ritrovata una buona condizione fisica è tornato ad essere elemento preziosissimo per la Roma. Di Francesco lo ha convinto che può essere importante anche a destra. Il tecnico giallorosso non vuole rinunciare a Perotti, ma neanche alla corsa e ai gol di El Shaarawy. Il fresco 25 enne è un ragazzo molto sensibile e va sempre sostenuto. Di Francesco l’ha capito e sta facendo un ottimo lavoro con il talento di Savona.

Leggi anche:  Roma, Fonseca vicino all'esonero, salvo fino al prossimo errore

Questa è l’ennesima rinascita per El Shaarawy. Dopo l’addio al Milan e la delusione con il Monaco, la Roma lo ha rilanciato. In questa stagione gli spazi sembravano ristretti per lui, ma Di Francesco sta facendo un lavoro egregio nel valorizzare la rosa giallorossa. Così come con Juan Jesus, diventato quasi inamovibile al centro di una difesa sempre più solida. Contro il Chelsea erano 10 su 11 gli elementi già presenti nella scorsa stagione a Trigoria, il solo Kolarov gioca con continuità dei nuovi acquisti. Anche perché si fa fatica a considerare Pellegrini, cresciuto a pane e Roma, un nuovo acquisto. Per vedere i nuovi in campo c’è tempo, la vecchia Roma va benissimo così.

El Shaarawy, gol per Ventura

L’ottimo rendimento di El Shaarawy nella Roma non sarà sfuggito a Giampiero Ventura. Il c.t. azzurro sabato prossimo diramerà le convocazioni per lo spareggio mondiale con la Svezia. Difficile rinunciare ad un Faraone in simili condizioni di forma. L’ex milanista potrebbe essere una pedina importante per l’Italia. Soprattutto nella gara di andata, quando magari gli azzurri giocheranno una gara più accorta. Nel 4-2-4 di Ventura El Shaarawy potrebbe giocare largo a sinistra, con Insigne nel ruolo di seconda punta. La duttilità e la corsa del giallorosso sarebbero preziose per una nazionale apparsa in grande difficoltà nelle ultime uscite.

Leggi anche:  Roma, Fonseca vicino all'esonero, salvo fino al prossimo errore

A 25 anni appena compiuti il Faraone di Savona sembra nel pieno della sua maturità calcistica. Qualcuno forse lo aveva dato troppo presto per finito. Dalle parti di Milanello si staranno mangiando le mani, visto il momento attuale del Milan. El Shaarawy ha avuto sempre belle parole per i rossoneri, che lo hanno lanciato nel grande calcio. Se lo salute lo assiste Stephan è un giocatore che può fare la differenza, interpretando più ruoli dalla metà campo in avanti. Di Francesco questo lo ha capito e si coccola il suo Faraone, agli restano soltanto i rimpianti per quello che poteva essere e non è stato.

  •   
  •  
  •  
  •