Coppa Italia, Lazio Napoli: dove sono i tifosi laziali?

Pubblicato il autore: Cristina G. Segui

lazio napoli tifosi

Coppa Italia, Lazio Napoli: cosa succede ai tifosi della Lazio?

Alla vigilia della prima semifinale della Coppa Italia 2014/2015, Lazio Napoli, il rammarico più grande di Pioli e della squadra biancoceleste, che si appresta a scendere in campo carica e piena di buoni presupposti dopo l’ottima prova contro il Sassuolo, resta uno: lo scarso sostegno del proprio pubblico. Pare infatti che, a poche ore dal fischio d’inizio di Lazio Napoli, la prevendita sia ancora piuttosto fiacca e ferma a poco più di 20 mila biglietti, un vero smacco per una partita che si annuncia essere di fondamentale importanza per la Lazio. A nulla sono serviti gli appelli dei giorni scorsi dei giocatori laziali, lo stesso Klose, vera bandiera della squadra, aveva divulgato pochi giorni fa un accorato appello: “Abbiamo bisogno dei tifosi, dovete venire per tifare, solo con voi possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Domenica abbiamo sentito il loro supporto già durante il riscaldamento. Averli accanto a noi è sempre una grande emozione e un grande stimolo a fare meglio”

E intanto, anche l’allenatore della Lazio, Stefano Pioli, non ha risparmiato nella giornata di ieri considerazioni al riguardo: “I miei giocatori hanno ragione, come spesso accade: abbiamo bisogno dei nostri tifosi, sia domani sera che contro la Fiorentina. È un momento decisivo: con i tifosi siamo più forti, lo stadio pieno ci può dare la spinta in più. E i giocatori lo meritano”.

La bassa affluenza di pubblico non riesce comunque ad abbassare il morale del tecnico della Lazio, che si mostra fiducioso sulle prestazioni della squadra nella partita di stasera: “Stiamo bene, e vincere fa bene al morale, alla fiducia,alla consapevolezza. Ma sappiamo che è una partita difficile e abbiamo rispetto dell’avversario, costruito per vincere il campionato, detentore del trofeo e che in campionato ci ha battuti dopo un episodio. Però siamo consapevoli che ce la vogliamo giocare. Sappiamo che è solo il primo tempo, vogliamo approcciare bene, giocare secondo la nostra mentalità e i nostri dettami di gioco”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: