Coppa Italia finale da record: sarà Lazio Juventus

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui

 

coppa italia

LAZIO JUVENTUS è la finale più  giusta. Anno da RECORD per entrambe le squadre.

Juventus e Lazio il 7 giugno a Roma per la finale di Coppa Italia salvo sorprese!

Se vogliamo ammetterlo, di fronte si trovano le due squadre più in forma del campionato. Non a caso, le due migliori delle serie A, almeno di questo 2015. Sì perché anche se in classifica la Roma continua a precedere i biancocelesti, è innegabile che la squadra di Pioli stia meritando sul campo la palma di seconda forza del campionato dietro i marziani bianconeri. Quello che in campionato non è mai stato” il duello “, effettivamente troppi sembrano essere i 15 punti che separano le due squadre. Sarà questa la sfida più giusta, più “meritocratica” che si poteva chiedere. Il modo in cui le due squadre hanno superato le semifinali è quasi speculare, risultato negativo casalingo all’andata, rimonta da sfavorite in trasferta. Aver colpito e affondato, Fiorentina e Napoli, da ancor maggior stima alle finaliste, che hanno dimostrato sul campo che ad oggi non hanno rivali. Oltre che ai giocatori, da Felipe Anderson a Pereyra, passando da Lulic e Bonucci, i veri artefici di queste imprese, coloro che hanno marchiato in modo indelebile il pass per la finale, sono senz’altro i due allenatori. Nelle due semifinali di ritorno Allegri e Pioli hanno eliminato rispettivamente Montella e Benitez, condannandoli a tutte le critiche, soprattutto a quelli dei tifosi.

Leggi anche:  Probabili formazioni Lazio-Zenit: le ultimissime

Evidente che le mosse a livello tattico hanno determinato il risultato. Bisogna dare merito al tecnico bianconero di aver saputo incartare l’asso dei Viola Salah, poi, con gli infortuni della vigilia di Tevez e Lichtsteiner, l’assenza di Pirlo e Pogba, Allegri si è reinventato uno schema che ha annientato il sistema difensivo viola, con Morata largo a sinistra, ma soprattutto Pereyra a destra, dove con Padoin  ha fatto impazzire Basanta, creando quella continua superiorità che è valso il netto successo.

Al San Paolo invece la serata di ieri è quella da incorniciare per il novello Stefano Pioli, al cospetto di un grande maestro come Benitez. Mentre lo spagnolo continuava nel suo credo tattico, il 4-2-3-1 che pochissimi soddisfazioni sta dando ai partenopei in particolare in questo girone di ritorno, il tecnico biancoceleste ha mostrato la sua bravura a cambiare in corsa e a sorprendere i padroni di casa. Prima scendendo in campo con un più compatto 4-3-3, inserendo il gioiellino di Cataldi in mezzo, per poi cambiare completamente le carte nel finale di gara buttando nella mischia Mauri, spostando Felipe Anderson a destra e inserendo Lulic a sinistra, autori rispettivamente dell’assist e del gol che hanno espugnato Napoli.

Leggi anche:  Infortunio Demiral, brutta tegola per la Juventus in vista della sfida al Ferencvaros

A giugno salvo sorprese sponda Juventus, la finale, potrebbe subire anche qualche variazione, perciò non ci sbilanciamo in pronostici e favoriti, ma siamo sicuri che sarà garantito un grandissimo spettacolo, che merita la Finale della Coppa Nazionale

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •