Le pagelle di Napoli-Lazio. Lulic strepitoso, Biglia indispensabile

Pubblicato il autore: Serena Cerracchio Segui

Berisha 6,5 – Sventa su Higuain in uscita e solo questo gli vale la sufficienza. Attento e fortunato in occasione del palo colto da Gabbiadini.

Basta 7 – Grande partita difensiva dell’angelo biondo che salva il risultato nel primo tempo con una grande chiusura su Higuain. Sempre attento e puntuale. Fondamentale.

de Vrij 7 – La difesa è il punto fermo di questa Lazio. Higuain e Gabbiadini non sono mai pericolosi.

Mauricio 7 – Con de Vrij ormai forma una coppia di ferro. Qualche sbavatura in più rispetto al solito ma quello che conta è il risultato.

Braafheid 5,5 – Il più ballerino della difesa laziale: oltre a lanciare Higuain verso Berisha fallisce anche un possibile gol colpendo di testa senza indirizzare il pallone verso la porta avversaria (83° Cavanda NG).

Cataldi 6,5 – Quando si trova a giocare con due grandi come Biglia e Parolo diventa grande in un attimo anche lui. Nella ripresa Pioli lo sostituisce con Mauri per provare il 4-2-3-1 classico (55° Mauri).

Biglia 7 – A centrocampo non c’è partita. Il regista argentino recupera una quantità impressionante di palloni e la sua quantità fa la differenza. Eccome.

Parolo 7 – Corsa e sacrificio sempre a disposizione della squadra. Nell’intervallo aveva avvisato: partita aperta può segnare chiunque. E così è stato.

Candreva 6 – Il più attivo nel primo tempo, ci prova con due tiri da fuori che si spengono alla sinistra di Andujar. Si spegne lentamente nel secondo tempo (67° Lulic).

Klose 6,5 – Si batte da capitano qual è anche se di palloni gliene arrivano pochi. Nel secondo tempo cade in area di rigore ma per Orsato è tutto regolare. Il primo ad abbracciare Lulic quando salva il risultato sulla linea. Dimostrazione di umiltà e gruppo solido.

Felipe Anderson 8 – Il primo tempo i tifosi sui social si chiedono dove sia il vero Felipe. Evanescente, qualche dribbling ma poca sostanza. Nella ripresa Pioli lo sposta dalla sinistra alla destra e cambia la gara. Per due volte serve Lulic, la seconda è quella decisiva.

Mauri 6,5 – I suoi inserimenti sono sempre fondamentali per questo Pioli decide di farlo entrare nella ripresa. Non dando punti di riferimento al Napoli diventa l’arma in più per il gioco biancoceleste.

Lulic 8 – Non può non essere lui ancora una volta, l’uomo di coppa. Due volte servito da Felipe Anderson, al primo colpo di testa a botta sicura, Andujar gli nega la gioia del gol. Ma alla seconda opportunità Senad non sbaglia e di piatto colpisce la difesa partenopea. Non contento c’è sempre lui a togliere il tiro di Insigne sulla linea di porta. Immenso

Serena Cerracchio

  •   
  •  
  •  
  •