C’è Inter-Juventus: diretta tv su Rai 1, dalle 20,30

Pubblicato il autore: Nicola Digiugno Segui
Stadio "Meazza" di Milano

Stadio “Meazza” di Milano

E’ proprio tutto pronto per Inter-Juventus, semifinale di Coppa Italia, partita di ritorno in programma questa sera allo stadio “Giuseppe Meazza”. Diretta tv su Rai 1, dalle 20,30. Si tratterà della trentunesima sfida fra nerazzurri e bianconeri in Coppa Italia. Quattordici le vittorie ottenute della Juve, contro le nove interiste. Otto i pareggi. Il tecnico Massimiliano Allegri ha convocato 21 giocatori. Sul sito ufficiale del club juventino si legge che “Giorgio Chiellini non è a disposizione in seguito al fastidio accusato durante la gara di campionato contro i nerazzurri di domenica scorsa. Il difensore oggi è stato sottoposto ad accertamenti che hanno hanno escluso lesioni muscolari ed evidenziato un sovraccarico del muscolo soleo di destra, recuperabile in circa 10 giorni. Non prendono parte alla trasferta a Milano neanche Mario Mandzukic e Claudio Marchisio: l’attaccante croato rimarrà a riposo, mentre il centrocampista lavorerà a Vinovo per rientrare giovedì con la squadra”. L’elenco dei gicatori diramato dopo l’allenamento di rifinitura a Vinovo: 1 Buffon, 6 Khedira, 7 Zaza, 9 Morata, 10 Pogba, 11 Hernanes, 12 Alex Sandro, 15 Barzagli, 16 Cuadrado, 18 Lemina, 19 Bonucci, 20 Padoin, 21 Dybala, 22 Asamoah, 24 Rugani, 25 Neto, 26 Lichtsteiner, 27 Sturaro, 34 Rubinho, 37 Pereyra, 39 Favilli.
Tre portieri, sette difensori, cinque centrocampisti e sette attaccanti. Sono 22 i nerazzurri convocati da Roberto Mancini. L’elenco completo. Portieri: 1 Handanovic, 30 Carrizo, 46 Berni; difensori: 5 Juan Jesus, 12 Telles, 21 Santon, 33 D’Ambrosio, 55 Nagatomo, 28 Della Giovanna, 96 Gyamfi; centrocampisti: 7 Kondogbia, 17 Medel, 27 Gnoukouri, 77 Brozovic, 83 Melo; attaccanti: 8 Palacio, 9 Icardi, 11 Biabiany, 22 Ljajic, 23 Eder, 44 Perisic, 97 Manaj. L’apertura dei cancelli di San Siro è fissata per le ore 18,45, lo sportello accrediti aprirà invece alle 18,30. Le biglietterie saranno aperte a partire dalle 17,15 fino al fischio d’inizio. Sarà Andrea Gervasoni della sezione di Mantova l’arbitro di Inter-Juventus. Gervasoni avrà come assistenti Giallatini e Dobosz, mentre il quarto uomo sarà Giacomelli.
Stasera si conoscerà, dunque, il nome della seconda squadra finalista di Coppa Italia, dopo il Milan che ha battuto sonoramente l’Alessandria, 5-0, ieri sera al “Meazza”, dinanzi a una cornice di pubblico imponente, con una massiccia presenza di tifosi ospiti, che alla fine hanno applaudito i propri beniamini per il cammino esaltante che ha proiettato il club alessandrino ai livelli più alti della coppa nazionale. Tornando a Inter-Juve, il risultato dell’andata, 3-0 per i bianconeri, non lascia grandi spiragli di speranza ai nerazzurri, che comunque dovranno mettercela tutta per tentare di ribaltare il risultato e riscattare anche le ultime, opache, prestazioni in campionato. Sembrano esserci tutte le premesse per assistere a una partita ricca di spunti tecnici interessanti e – perché no? – combattuta anche sul piano dell’agonismo. Inter-Juve è da sempre il derby d’Italia, per via del numero di tifosi che i due club possono vantare sul territorio nazionale e non solo. La Juventus, che guida la classifica del campionato di Serie A, che lotta anche sul fronte della Champions, ha la concreta possibilità di raggiungere l’ennesima finale di Coppa Italia e di giocarsela, il 21 maggio, allo stadio Olimpico di Roma, contro il Milan. E, in tal caso, non mancherebbero i precedenti storici di un certo prestigio relativamente a una finale fra rossoneri e bianconeri, come quella di Champions finita 0-0 e vinta ai rigori dal Milan, 2-3. Era il 28 maggio 2003. Altri tempi.

Leggi anche:  Juventus, gara importante: primato e sorteggio più agevole
  •   
  •  
  •  
  •