Inter – Juventus: Luci a San Siro

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

coppa-italiaSarà Juventus – Milan la finale di Coppa Italia 2015/2016. Ma quanta fatica per la Vecchia Signora. Veramente memorabile la serata di San Siro.
inter-juventus
La partita che non t’aspetti. Inter – Juventus da raccontare ai nipoti.
Il tifoso illuso, quello che ci credeva nonostante tutto e tutti, ha almeno sognato per 120′
“te la ricordi… se fossi venuto… e tu che te ne sei andato al cinema…”
Peccato per gli interisti come sia finita. A un passo da sogno, ma bravi lo stesso.
La Cronaca. Semi finale di ritorno. Inter rimonta i 3 gol dell’andata e cede solo ai rigori. Spettacolo puro fin dall’inizio. Inter in avanti e Juve remissiva.
Al 16′ il gol di Brozovic alimenta ancora di più il sogno rimonta.
La Juventus remissiva di questa sera è troppo brutta per essere vera. Saranno stati i tanti cambi ma decisamente sottotono la squadra bianconera.
Ecco allora il boato di San Siro alla traversa di Ljajic.
Ripresa ancora più emozionante all’insegna di Perisic che decide che è ora di attaccare a sinistra con intensità e dopo aver segnato al 49′,  procurarsi il rigore del sogno, segnato da Brozovic all’82’. Rimonta fatta. Calma? Ma quando mai.
Il finale dei tempi regolamentari è ancora più bello con Zaza che quasi gela San Siro con un’azione personale e tiro che sfiora il palo alla sinistra di Carrizo. Subito dopo Neto, in porta al posto di Buffon, miracoloso su Persico, ancora una volta.
Finale al 90′ con tanto di rissa sfiorata.
Supplementari con Juventus migliore anche grazie al subentrato Pogba, veramente una spanna sopra agli altri, affiancati da pioggia e campo pesante.
Alla fine rigori, con unico errore di Palacio per l’Inter e Juventus in finale.
bonucci
Commenti. Bonucci, oggi capitano Juventus, a caldo parla “della peggiore partita da quando sono alla Juventus” . Vero come è anche vero l’approccio fiacco e una formazione leggera soprattutto nei minuti giocati e nella personalità. Juventus con 7 cambi rispetto alla partita di campionato. Troppi se è vero che il possesso palla interista è stato il doppio di quello juventino.
Mancini respira, forse. Alla fine queste rimonte amplificano le energie, soprattutto future, solo quando di vince. Perdendo si è acquisita fiducia ma c’è subito il giudice severo del campionato.

Leggi anche:  Ziliani: "Marotta scodinzola dietro Conte temendo le sue sbroccate. Gli chieda piuttosto..."

Bel gesto.
Il citato Bonucci indossava la fascia di capitano in ricordo di Piermario Morosini, lo sfortunato calciatore morto in campo in un tragico Pescara- Livorno.. Lo ricordiamo anche noi.

  •   
  •  
  •  
  •