Dichiarazioni Brocchi Milan Juventus: “La squadra ha disputato una buona partita”

Pubblicato il autore: Giovanna Samanda Ricchiuti Segui

dichiarazioni brocchi milan juventus
La finale di Coppa Italia di sabato 21 maggio 2016 se la aggiudica la Juventus: il Milan, dopo 110′ di gioco, è costretto a dire addio al trofeo con il gol di Morata, entrato 2 minuti prima. Con questa sconfitta, il Milan è fuori anche dall’Europa League, essendo arrivata settima in campionato e lasciando così il posto al Sassuolo.

Ai microfoni di Rai Sport, Brocchi appare rammaricato. Nonostante in campo sia sceso un buon Milan, i suoi non sono riusciti nell’impresa: “Questa sconfitta fa male per la prestazione che abbiamo fatto: abbiamo giocato una buona gara, con l’atteggiamento giusto. Avevo chiesto determinazione e spirito di squadra e l’avevo preparata bene a livello tattico: ci è mancato solo il gol e loro ci hanno punito alla prima occasione. Alla fine, non credo di dire un’eresia se sostengo che il Milan ha giocato meglio”. Una partita decisa dagli episodi per Brocchi: “Il gol di Morata, poi, è arrivato da un ribaltamento di fronte sul quale ci siamo fatti trovare un po’ scoperti. Non è certo colpa di Calabria, che ha giocato una gara eccezionale. Si poteva, invece, interrompere prima la loro ripartenza”.
Sul suo futuro dice: “In cuor mio è normale che abbia questa voglia e pensiero, se valutiamo la partita di questa sera penso che qualche merito ce l’avrei anche io”.

In conferenza stampa, ribadisce la buona prestazione della sua squadra: “La squadra ha disputato una buona partita, abbiamo ricevuto i complimenti anche da Allegri. Resta il rammarico di aver perso una partita in maniera immeritata, finalmente ho visto la mia mano. Uno spirito giusto, atteggiamento giusto, la voglia di non mollare, siamo stati puniti da un episodio”.

Commenta anche gli striscioni esposti in Curva Sud: “Dispiace per i tifosi che hanno voglia di vincere. Contro la Roma è giusto che ci sia questa contestazione, con la Juve non posso pretendere di più e non posso colpevolizzare nessuno. Anzi, questa sera c’era una cornice di pubblico importante. Meritavamo di portare a casa il trofeo”.
Balotelli è entrato solo negli ultimi minuti: “Aveva voglia di giocare, però c’erano due o tre ragazzi con i crampi, la gara è stata lunga e non posso permettermi di bruciare un cambio con dei giocatori che avevano problemi. Non potevo commettere errori”.

  •   
  •  
  •  
  •