Juventus-Milan, i bianconeri vogliono la rivincita

Pubblicato il autore: valerio vitali Segui


Juventus-Milan di questa sera (ore 20:45) vale molto più di un quarto di finale di Coppa Italia. I bianconeri sono a caccia della rivincita dopo la cocente sconfitta rimediata in Supercoppa Italiana proprio contro i rossoneri.
Da quel 23 dicembre a oggi è passato solamente poco più di un mese e proprio per questo la ferita è ancora aperta e il match di Doha grida ancora vendetta dalle parti di Vinovo.

COME ARRIVANO LE DUE SQUADRE – Come spesso accade da cinque anni a questa parte, tra le due squadre quella che è favorita sula carta resta sempre la “Vecchia Signora”,   sebbene gli ultimi due appuntamenti abbiano leggermente inclinato questa asticella dalla parte del Milan, che forte della vittoria per 1-0 in campionato e della Supercoppa, proverà a giocarsi le sue chance senza timore.
Va sottolineato però che la Juventus, quando gioca allo Stadium pare avere una marcia in più, che non si nota quando è lontana da casa sua.Bianconeri che inoltre hanno strappato i tre punti in cinque occasioni su cinque allo Stadium proprio contro i rivali di stasera, che come Roma, Napoli e Fiorentina non hanno totalizzato nemmeno un punto nel nuovo impianto juventino, un’autentica “bestia nera”.

Leggi anche:  Il sito Tutto Juve punge la città Napoli: "Nessun assembramento in città"

La Juve arriva alla partita di questa sera con il convincente 2-0 rifilato alla Lazio, dove Allegri ha mostrato una formazione inedita, molto offensiva e con un Mandzukic in versione “ala”. Per la prima volta il tecnico toscano ha optato per una linea mediana a due e mai nella sua carriera da mister aveva optato per questa scelta.Stasera con l’assente Marchisio probabilmente si rivedrà lo stesso schieramento in campo, con Sturaro o Rincon pronti a far rifiatare Khedira. Il Milan invece non sta attraversando il suo periodo migliore, basti pensare che nelle ultime cinque partite ha trovato la vittoria solamente in casa contro il Cagliari, a pochi minuti dallo scadere.
La sconfitta di sabato contro il Napoli non ha comunque rappresentato un segnale d’allarme, piuttosto un match che ha fatto capire il vero valore dei rossoneri, che non hanno i mezzi per poter competere fino alla fine per un posto in Champions League. La gara di questa sera sarà un ulteriore indicazione per comprendere fino a che punto il lavoro di Montella ha saputo stravolgere la rosa che aveva a disposizione, dandole un “quid” in più, che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi anche:  Dove vedere Lazio-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

IL RISCATTO DI DYBALA – Questa sera tutto il tifo juventino si augura una rivincita soprattutto da Dybala, che fallì il rigore decisivo in Supercoppa e che purtroppo, a causa di un infortunio, non poté giocare tutti i minuti del match di S.Siro. La ‘Joya’  è riuscito comunque a timbrare il cartellino contro il Milan lo scorso anno (e che cartellino) e la sua rete, l’unica della serata, fu oltremodo utile sia per i tre punti ottenuti, sia per continuare il rullino di marcia che da lì in avanti avrebbe portato la Juventus alla conquista del suo quinto scudetto consecutivo.
Vedremo se anche oggi Dybala avrà il piede caldo, come sempre dimostrato nelle partite che contano.

JUVE-MILAN IL PRECEDENTE DI COPPA ITALIA DEL 2012 – L’ultimo Juventus-Milan di Coppa Italia risale al 20-3-2012. In quell’occasione il tabellino finale ha fatto emergere un interessante 2-2, con reti di Del Piero e Vucinic per i padroni di casa e Mesbah e Maxi Lopez per i rossoneri, che nei minuti regolamentari riuscirono a vincer per 2-1 ribaltando lo stesso risultato dell’andata di San Siro. Nei minuti supplementari la cannonata di Vucinic dalla lunga gittata ha regalato alla Juventus l’accesso alla finale di Roma, poi persa per 2-0 contro il Napoli.

Leggi anche:  Inter, Conte non vuole scherzi: vincere a Udine per sognare l'aggancio in vetta al Milan

Quel giorno di quasi cinque anni fa, Allegri sedeva sulla panchina avversaria, oggi le cose si sono invertite e chissà che non possa invertirsi anche il risultato di quei 90′.
Allegri e i tifosi se lo augurano, anzi, lo pretendono, perché la sconfitta di Doha grida ancora vendetta.

  •   
  •  
  •  
  •