Milan-Inter, Natale amaro per Gattuso e Spalletti: il derby per rinascere

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Milan-Inter

Milan-Inter, derby da non fallire

Milan-Inter, un derby per risorgere. Milanello-Appiano Gentile, abbiamo un problema. Un Natale con tanto carbone per le due squadre milanesi e tra due giorni è derby di Coppa Italia. Gattuso e Spalletti si leccano le ferite che ha lasciato l’ultima giornata di campionato. Stanno peggio i rossoneri. Distanza siderale dalla zona Champions League, morale sotto il livello del mare e contestazione aperta dei tifosi contro l’Atalanta. Gattuso e Mirabelli hanno provato a fare da scudo ad un gruppo di giocatori che sembrano degli eschimesi nel Sahara. Il derby di Coppa Italia diventa una tappa fondamentale per la truppa milanista, visto che il campionato è più che compromesso. Contro l’Inter torneranno Suso e Romagnoli. Il ritorno dello spagnolo potrebbe far riaccendere la luce nel buio dell’attuale situazione rossonera. Per il resto Gattuso dovrà cercare di rivitalizzare un gruppo che non sembra credere più da tempo nelle proprie possibilità.

Leggi anche:  Beppe Bergomi su Conte: "Protesta giusta, c'era un espulsione. Al Milan mancavano tanti giocatori..."

Se Atene piange, Sparta non ride. L’Inter ha raccolto un punto nelle ultime tre partite di campionato. Due sconfitte consecutive, dopo essere rimasti imbattuti per 16 giornate. Come se non bastasse per Spalletti sono arrivati anche gli infortuni per Miranda e D’Ambrosio. Entrambi salteranno sia il derby di Coppa Italia che la sfida di campionato contro la Lazio di sabato prossimo. Per la loro sostituzione il tecnico nerazzurro ricorrerà certamente a Ranocchia per sostituire il brasiliano. Più complicata la scelta per il cambio di D’Ambrosio. Cancelo potrebbe essere confermato, con uno tra Santon, Nagatomo e Dalbert sulla corsia opposta. L’Inter ha segnato un solo gol nelle ultime quattro match disputati. Lo ha firmato Icardi contro l‘Udinese. Se l’argentino non veste i panni di fromboliere sono dolori per i nerazzurri.

Leggi anche:  Coppa Sudamericana: storica affermazione del Defensa y Justicia

Milan-Inter, rivincita rossonera o conferma nerazzurra?

Milan-Inter, dopo due mesi è di nuovo derby. Era il 15 ottobre, i rossoneri di Montella sfidavano i nerazzurri di Spalletti. Vinse l’Inter per 3-2, grazie ad un rigore trasformato da Icardi allo scadere concesso per un ingenuo fallo di Rodriguez su D’Ambrosio. Il primo cambiamento rispetto a 50 giorni fa è che sulla panchina milanista c’è Rino Gattuso al posto di Montella. Per l’attuale tecnico rossonero sarà il primo derby da allenatore, forse anche il più difficile. Ringhio ha sempre detto di non aver dormito nella settimana dei due Euroderby del 2003 che valevano la finale di Champions League a Manchester. Faticherà a prender sonno anche in questi, delicati, giorni.

Spalletti di derby è un esperto. A Roma, dove si gioca la stracittadina più calda d’Italia, ne ha vinti tanti. Ne ha anche perso qualcuno. Il tecnico toscano sa che la sua Inter è in riserva di energie. Inevitabile quando non si hanno ricambi di qualità. Luciano da Certaldo potrebbe far ricorso a qualche alchimia delle sue per continuare a tormentare il piccolo diavolo di questi tempi. Sassuolo è stata una maledetta domenica. Sconfitta, Icardi che sbaglia il rigore e due infortuni nello stesso reparto. Una vittoria nel derby consentirebbe ai nerazzurri di preparare con più serenità il match con la Lazio del 30 dicembre. Una sconfitta, con eliminazione, farebbe suonare l’allarme rosso ad Appiano Gentile. Aveva ragione Lucio Dalla, Milano che fatica.

  •   
  •  
  •  
  •