Fiorentina: grande ottimismo in vista del Tottenham

Pubblicato il autore: Stefano Blois Segui

fiorentina

Tanto ottimismo attorno alla Fiorentina, in vista dell’attesissima gara contro il Tottenham, valida per i sedicesimi di Europa League. Gli ottimi risultati in campionato e la linfa dei nuovi acquisti hanno rilanciato la squadra di Montella, circondata dall’entusiasmo del suo pubblico e “promossa” anche da molti addetti ai lavori.

L’ex giocatore viola, oggi procuratore, Moreno Roggi commenta così l’imminente confronto con gli Spurs: “Se la Fiorentina gioca come sa, non avrà problemi all’andata e neanche al ritorno. Nascondono tanto la palla e questo dà noia agli inglesi, l’importante è imporre il proprio ritmo a partire dalla difesa a tre, che esalta le doti di Gonzalo ma in generale di tutta la retroguardia. In fase offensiva poi, le opzioni sono così tante che ognuna può andar bene: aver sacrificato Cuadrado può diventare paradossalmente una mossa vincente, perchè adesso la Fiorentina è completa e talentuosa in tutti i reparti”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Enrico Chiesa, altro nome importante del passato Fiorentina: “White Hart Lane è un bellissimo stadio, dove senti forte il calore del pubblico e ti viene voglia di giocare. Il Tottenham attacca a testa bassa come da tradizioni inglesi, ma proprio per questo hanno delle lunghe pause che possono rivelarsi fatali. Fisicamente i viola possono soffrire, ma dal punto di vista tecnico la Fiorentina è superiore in tutti i reparti.”

Dicevamo dei volti nuovi, e chi finora si è integrato benissimo con la maglia viola è certamente Alessandro Diamanti, in campo e fuori. Lo conferma il trequartista stesso nelle sue ultime dichiarazioni: “La Fiorentina è una grande squadra, mi sono subito integrato molto bene, soprattutto per merito dei miei compagni. L’allenatore è molto preparato e fa giocare un calcio propositivo, questo è molto bello per uno come me. Fra la Champions con la Viola ed il ritorno in Nazionale sceglierei la prima opzione, i premi collettivi sono più gratificanti di quelli personali”.

  •   
  •  
  •  
  •