Il Napoli sbriga la pratica Trabzonspor. De Guzman regala la vittoria

Pubblicato il autore: Carmelo Dimitri Segui

de-guzman3Era pressoché una formalità con le sirene europee a condire ed abbellire una serata che si preannunciava molto più che tranquilla. E questo in realtà è stato. Il Napoli ospitava il Trabzonspor al San Paolo per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, dopo aver acquisito il pass per la qualificazione già all’andata con il netto 0-4 di Trebisonda. Dalle scelte di Rafa Benitez si capisce che la testa è alla sfida di domenica in campionato a Torino. In porta torna il tanto bistrattato Rafael, in difesa spazio a Mesto e Goulham sulle corsie esterne di difesa e Britos con Henrique in mezzo. A centrocampo giocano Inler e Jorginho, mentre dietro ad Higuain, ecco il trio composto da Callejon, De Guzman e Mertens.

Il primo tempo si gioca a ritmi piuttosto bassi. I partenopei tengono il pallino del gioco. Il primo tiro dei padroni di casa arriva al 10’ quando Higuain si libera al limite e, con un perfetto filtrante, serve Mertens. Il belga, a due passi dalla porta, con il destro sbaglia la misura e calcia il pallone alle stelle. Al 19’ Mertens sventaglia per Callejon con un perfetto lancio di 50 metri. Lo spagnolo prende i tempi del rimbalzo e calcia al volo in porta, Arikan respinge verso il centro dell’area e De Guzman, a rimorchio, ribadisce in rete la respinta per l’1-0 del Napoli. Al 21’ è De Guzman che diventa assistman e serve Callejon in area ma il tiro del numero 7 è preda delle mani dell’estremo difensore del Trabzonspor. Al 31’ è la solita coppia De Guzman-Callejon che crea scompiglio: l’olandese viene servito in velocità e vista l’uscita del portiere, serve dall’altra parte il compagno ma la palla è fuori misura e a porta vuota i partenopei si divorano un’altra palla-gol. Nel finale di tempo si vede il Trabzonspor: al 43’ Atik trova la rete del pareggio ma è solo un miraggio per gli ospiti perché il gol viene annullato per netta posizione di fuorigioco del numero 66, che aveva ribadito in porta la corta respinta di Rafael.

La ripresa vede un Napoli che prosegue sulla falsariga della prima frazione di gioco. Dopo appena un minuto è Higuain che si ritrova smarcato in area ma il direttore di gara ferma l’attaccante per posizione di fuorigioco. Al 59’ è ancora il Pipita a gonfiare la rete sull’assist di Callejon ma l’arbitro decide di annullare per off-side. Al 67’ Callejon, servito in maniera perfetta in area, colpisce di prima intenzione il pallone ma la mira è sbagliata e il portiere riesce, con un mezzo miracolo, a respingere il pallone. Quando Arikan è battuto, è il palo a negare la gioia del gol al numero 7: al 71’ lo spagnolo, con il destro, riesce infatti solo a colpire il legno. Poco dopo ci riprova da posizione defilata ma questa sera il pallone non vuole entrare. L’ultima chance del Napoli è con Mertens che spreca l’occasione per il 2-0. Liberatosi con un dribbling in area, davanti al portiere il belga prova a piazzare ma l’estremo difensore è attento e riesce a deviare. Il finale ha poco da dire, con le due formazioni che aspettano solamente il triplice fischio del direttore di gara.

I TABELLINI:

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael Cabral; Mesto, Henrique, Britos, Ghoulam; Jorginho, Inler; Mertens, De Guzmán (69′ Gabbiadini), Callejón (76′ Hamsik); Higuaín (63′ Zapata). All. Benitez

TRABZONSPOR (4-3-3): Hakan Arıkan, Salih Dursun (88′ Yavru), Bosingwa, Aykut Demir, İshak Doğan; Mehmet Ekici, Fatih Atik (77′ Aydoğdu), Medjani; Özer Hurmacı, óscar Cardozo, Erkan Zengin (84′ Yilmaz). All. Yanal

RETE: 19′ De Guzman

AMMONITI: Ekici, Arikan, Hurmaci

  •   
  •  
  •  
  •