Pagelle Roma Feyenoord: Pjanic e De Rossi i peggiori, Gervinho segna e spreca

Pubblicato il autore: Simone Meloni Segui

pjanic

La Roma non riesce a superare il Feyenoord nella gara d’andata dei sedicesimi di Europa League e mette a serio repentaglio il passaggio del turno. Nei giallorossi male Pjanic e De Rossi, autori di due prove incolori. Prestazioni a luci alterne per Gervinho, che sigla il gol del vantaggio ma spreca almeno un paio di occasioni nitide.

PAGELLE

 Skorupski  6 sul gol ci mette una pezza provvidenziale ma sulla ribattuta nessuno lo assiste

 Torosidis 6, uno dei pochi continui per tutta la gara, sfiora anmche un gol

Manolas 5, fin quando c’è da contenere la sufficienza la raggiunge pure, ma quando c’è da proporsi ed impostare emergono le difficoltà

Mapou 5,5, in una rosa a pieni giri dovrebbe essere la prima scelta della panchina. Invece, causa infortuni e squalifiche è il titolare inamovibile da qualche mese.

Holebas 6, come gli succede spesso è uno dei pochi che in mezzo al marasma giallorosso riesce a salvarsi cercando di offrire maggiore propulsione alla squadra

Pjanic 4,5, assieme a De Rossi il peggiore in campo. Evanescente e sempre avulso dal gioco. Una parabola discendente che ormai dura da quasi tre mesi.

De Rossi 4,5, non ci siamo. Il centrocampista della nazionale continua a far acqua da tutte le parti. Poca sostanza.

Nainggolan 5, quando manca anche lui allora si fa davvero dura. Anche se c’è da dargli atto che da inizio campionato gioca praticamente ininterrottamente.

Verde 6 buon primo tempo il suo, condito da un assist. Nella ripresa si spegne un pochino lasciando il posto a Florenzi sv

Totti 5, non è in un gran periodo e lo si vede ad occhio nudo. Sostituito nella ripresa Doumbia 5, avrebbe sui piedi la palla del 2-1 ma la spreca malamente.

Gervinho 6- se è vero che segna un gran bel gol è anche vero che ne sbaglia almeno due in occasioni più che nitide.

Garcia 5 la formazione di stasera probabilmente può anche andar bene, ma la squadra continua a non correre e a non giocare a pallone. Una crisi tecnica di cui è impossibile non chiedere conto al tecnico romanista.

 

  •   
  •  
  •  
  •