Fiorentina Pradè: “Sconfitta amarissima, ma l’empatia tra tifosi e squadra non deve finire. Rimaniamo quello che siamo”

Pubblicato il autore: Federica Sala Segui

Fiorentina Pradè

Fiorentina Pradè: A meno di 24 ore dalla sconfitta in Europa League per mano del Siviglia, il ds della Fiorentina Daniele Pradè ha parlato ai microfoni del media ufficiale viola. Tanti gli argomenti trattati: l’uscita dalla competizione europea, il rapporto con i tifosi e gli obiettivi futuri della squadra viola. Queste le sue parole:
Fiorentina Pradè: “La nottata è stata dura, quando hai queste sconfitte. Lo sport è bellissimo e amarissimo, ma dobbiamo essere bravi a far ripartire il gruppo ed il modo di lavorare” ha affermato il ds della squadra fiorentina. “Quando trai un bilancio della stagione pensi che hai giocato 57 gare e sei arrivato al massimo di tutte le competizione, vuol dire che questa squadra ha fatto un grande passo in avanti. Certo, la vittoria avrebbe consacrato la stagione. Ma non è tutto da buttare, questo gruppo è sano e lavora e dobbiamo ripartire da qui. Faremo qualche accorgimento“.
E sui fischi senti alla fine della partita: “I fischi? Mi sento di dire una cosa: sberleffi e critiche lasciano il tempo che trovano. L’empatia che c’è tra la tifoseria e la squadra non deve finire così. Andiamo avanti insieme, abbiamo fatto cose grandi, non fermiamoci“.
Con l’uscita dall’Europa League, quale è diventato adesso l’obiettivo principale della Fiorentina? “Intanto pensiamo ad arrivare in Europa, che per noi è un obiettivo importantissimo. Abbiamo perso contro il Siviglia, una delle squadre più in forma. Poi abbiamo perso la Coppa Italia da chi sta in finale di Champions. Dobbiamo essere mentalmente puliti nelle valutazioni. Rimaniamo quello che siamo, è difficile trovare un’unione così bella tra tifoseria, squadra e società. Questo è il mio appello” ha concluso Pradè ai microfoni del canale ufficiale della Fiorentina.

  •   
  •  
  •  
  •