Fiorentina-Siviglia, i numeri autorizzano il sogno ‘remuntada’

Pubblicato il autore: Daniele Triolo Segui

Fiorentina-Siviglia domani sera in programma al ‘Franchi’: sarà il primo incontro in Italia tra le due compagini. Ai viola serve una vera impresa

Fiorentina-Siviglia, 90' per sperare nell'impresa e nella finale di Europa League (fonte foto: www.mundodeportivo.com)

Fiorentina-Siviglia, 90′ per sperare nell’impresa e nella finale di Europa League (fonte foto: www.mundodeportivo.com)

Fiorentina-Siviglia, una partita per cuori forti. Domani sera, esattamente alle ore 21.05, allo stadio ‘Franchi‘ si disputerà Fiorentina-Siviglia, semifinale di ritorno di Europa League, valevole per l’accesso alla finalissima in programma il prossimo 27 maggio al ‘National Stadium‘ di Varsavia, in Polonia.

Fiorentina-Siviglia è una sfida inedita: infatti, quello di domani sarà il primo incontro tra le due compagini sul territorio italiano. All’andata, disputatasi la scorsa settimana nel bollente catino del ‘Ramon Sanchez Pizjuan‘, la formazione andalusa si impose sui viola di Vincenzo Montella con un perentorio 3-0, firmato da una doppietta dell’esterno destro spagnolo Aleix Vidal e dall’acuto dell’attaccante francese ex PSG, Kevin Gameiro, avvenuto pochi istanti dopo il suo ingresso in campo.

La Fiorentina conta già altri precedenti in casa contro club iberici nelle coppe europee, ed il bilancio è di perfetta parità: due vittorie viola, un pareggio, e due sconfitte. L’ultima volta che la Fiorentina ha ospitato al ‘Franchi’ una squadra spagnola risale al 1° marzo 2000, quando in una gara del Gruppo B di Champions League arbitrata dal tedesco Markus Merk, i viola di Giovanni Trapattoni batterono 1-0 il Valencia di Hector Cuper, poi finalista della competizione, grazie ad un rigore al 19′ di Predrag Mijatović. Il Siviglia, dal canto suo, non vanta una gran tradizione in trasferta nel Belpaese: perse infatti 1-0 a Parma nella Coppa Uefa 2004/2005, e, con il medesimo risultato, sempre in Coppa Uefa, si arrese quattro stagioni più tardi anche alla Sampdoria.

Per passare il turno, la Fiorentina deve vincere con 4 gol di scarto. Con il 3-0, i viola agguanterebbero i tempi supplementari; qualsiasi altro risultato, invece, qualificherebbe gli andalusi di Unai Emery. I numeri, però, autorizzano a credere nella ‘remuntada‘ dei viola: difatti, nelle ultime 11 uscite casalinghe nelle coppe europee, soltanto una volta la Fiorentina è rimasta all’asciutto (20 marzo 2014, 0-1 contro la Juventus, rete di Andrea Pirlo su punizione), mentre nelle altre 10 gare sono stati ben 19 i gol messi segno. Al contrario, nelle ultime otto uscite esterne nelle coppe, soltanto una volta (0-0 contro lo Standard Liegi il 23 ottobre 2014) il Siviglia ha mantenuto la propria porta immacolata.

Fiorentina-Siviglia sarà diretta dal direttore di gara sloveno Damir Skopina, classe “76, internazionale dal 2003. Skomina vanta 11 incroci con i club italiani nelle coppe, ed il bilancio è favorevole, con 6 successi ed un pareggio a fronte di 4 sconfitte. Ha diretto la Fiorentina in Europa già in un’occasione, quando, il 9 dicembre 2009, in una gara del Gruppo E di Champions League, i gigliati violarono 2-1 ‘Anfield Road‘, casa del Liverpool, rimontando con le reti di Martin Jørgensen ed Alberto Gilardino in pieno recupero l’iniziale vantaggio dei ‘Reds’ siglato dall’israeliano Youssi Benayoun.

  •   
  •  
  •  
  •