Tracollo viola, addio all’Europa: le parole dei protagonisti

Pubblicato il autore: Daniele Triolo Segui
Tracollo viola: per Joaquin, "la Fiorentina ha dato tutto" (fonte foto: www.calcionews24.com)

Tracollo viola: per Joaquin, “la Fiorentina ha dato tutto” (fonte foto: www.calcionews24.com)

Tracollo viola: dopo il 3-0 in Spagna, il Siviglia vince 2-0 anche al ‘Franchi’. Joaquin: “Abbiamo dato tutto”. Montella: “Peccato per i fischi, meritiamo più rispetto”

Tracollo viola. La Fiorentina non riesce nell’impresa, e, dopo aver perso 3-0 la scorsa settimana al ‘Ramon Sanchez Pizjuan‘ di Siviglia, si fa sconfiggere 2-0 dagli andalusi anche nel match disputato questa sera tra le mura amiche dello stadio ‘Franchi‘. Il tracollo viola è certificato dalle reti di Carlos Bacca al 22′, che ha sfruttato un assist di Ever Banega, e di Daniel Carriço al 27′. Nella ripresa, la Fiorentina ha anche sbagliato un calcio di rigore, fallito al 67′ da Josip Iličić.

Peccato per la squadra di Vincenzo Montella, giunta ad un passo da un grande obiettivo: in finale vanno gli uomini di Unai Emery, campioni in carica ed a questo punto strafavoriti alla vittoria dell’Europa League rispetto agli ucraini del Dnipro, che hanno eliminato un’altra italiana, il Napoli. Al fischio finale di Fiorentina-Siviglia, il primo a parlare è stato Joaquin, il quale, intercettato dai microfoni di ‘SportMediaset‘, ha fornito le sue giustificazioni in merito il tracollo viola di questa sera. “Abbiamo disputato una stagione bellissima e siamo contenti del nostro lavoro. Purtroppo in queste due gare non siamo stati cinici sotto porta, mentre il Siviglia è riuscito a concretizzare quasi tutte le occasioni – ha sottolineato l’esterno ex Betis, Valencia e Malaga -. Avevamo lavorato sodo per arrivare in finale ma non ci siamo riusciti. Loro sono una grandissima squadra, noi abbiamo dato davvero tutto. Ora guardiamo al campionato: mancano tre partite molto importanti e dobbiamo qualificarci per la prossima Europa League. Il mio futuro? Sono molto felice a Firenze”.

Ancora più duro è stato Vincenzo Montella, che non ha digerito la bordata di fischi che il ‘Franchi‘ ha riservato alla Fiorentina, facendo capire, nemmeno troppo velatamente, di essere pronto a togliere il disturbo. “Nelle due partite contro il Siviglia non siamo stati fortunati rispetto alle palle gol create – ha dichiarato il tecnico napoletano a ‘SportMediaset‘ -; noi siamo stati abili zero, loro al 100%, lo dicono i numeri, le situazioni venutesi a creare in campo. Il Siviglia è una squadra costruita con grande equilibrio e fisicità; stasera la Fiorentina ha fatto la partita fino alla fine, ci abbiamo provato con orgoglio. Meritiamo più rispetto di quanto ci hanno riservato – ha evidenziato ai cronisti a proposito della contestazione dei tifosi -; si può certamente esprimere il proprio parere, ma penso che la squadra, per come ha giocato, non meritasse i fischi. Chi paga il biglietto può contestare, ma chi gioca può anche non accettare. Noi pensiamo che la squadra non lo meriti. Dispiace, ne prendiamo atto, e ce ne andiamo a casa con amarezza ma a testa alta, consapevoli di aver dato tutto quello che avevamo in questo momento”.

Interpellato sul suo futuro, Montella è stato piuttosto nebuloso: “Ho un contratto, vediamo. La società conosce il mio pensiero da mesi. Le valutazioni si faranno al termine del campionato: se si aspettano di più, capace anche che non mi riconfermino loro. Io penso che, con le risorse che abbiamo a disposizione, abbiamo fatto un passettino in più di quanto era nelle nostre possibilità. Da allenatore, mi auguro di trovare nel mio percorso professionale altri calciatori, altri uomini di questo livello. Ed auguro la stessa cosa alla Fiorentina”. Dopo il tracollo viola, in arrivo anche un terremoto in piena regola?

  •   
  •  
  •  
  •