Europa League, tocca alle italiane

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

Europa League
Dopo i due giorni di Champions che hanno visto le due italiane, Roma e Juventus, pareggiare rispettivamente contro Bayer Leverkusen e Borussia Monchengladbach, stasera le italiane si tufferanno ancora nelle sfide europee. Lazio, Fiorentina e Napoli avranno infatti il compito di conquistare quanti più punti possibile per scalare il ranking UEFA e riportare la fatidica quarta squadra in Champions. Il terzo posto nel ranking infatti, occupato ora dall’Inghilterra, è davvero ad un passo e continuando a fare bene in Europa non è un’utopia sperare nel sorpasso agli inglesi già per il prossimo anno. Ecco in dettaglio le gare delle tre italiane impegnate stasera:

LAZIO. I biancocelesti guidati da Stefano Pioli riceveranno alle 19.00 la visita dei danesi del Rosenborg, squadra da non sottovalutare e da affrontare con la dovuta concentrazione. La situazione dei padroni di casa nel girone è certamente più rassicurante di quella degli ospiti, visto che la Lazio comanda per ora il girone con 4 punti unitamente al Dnipro: all’esordio i capitolini hanno infatti pareggiato per 1-1 proprio sul campo degli ucraini subendo il gol del pareggio allo scadere, mentre nella giornata successiva hanno battuto i francesi del Saint-Etienne per 3-2. Il Rosenborg ha raccolto invece finora soltanto 1 punto, così come il Saint-Etienne, frutto del pareggio all’esordio sul campo dei francesi per 2-2 e della sconfitta in casa contro il Dnipro per 1-0. Pioli dovrebbe schierare i suoi ragazzi con il 4-2-3-1 formato da Berisha, Konko, Mauricio, Hoedt, Radu, Onazi, Cataldi, Candreva, Mauri, Kishna e Matri.

Leggi anche:  Ciro Immobile a Tiki Taka: "L’amore che mi dà la gente non può mai essere superato da una squadra che prova a vincere la Champions"

FIORENTINA. Impegno casalingo anche per i viola contro i polacchi del Lech Poznan alle 19.00. Altro match insidioso e da prendere con le pinze. Nel Gruppo I comanda il Basilea a punteggio pieno inseguito proprio dalla Fiorentina che ha raccolto 3 punti, grazie alla sconfitta del Franchi contro l’ex squadra di Sousa per 2-1 ed alla netta vittoria sul campo dei portoghesi del Belenenses per 4-0. Il Lech ha invece 1 punto come il Belenenses, visto che ha pareggiato all’esordio contro i portoghesi per 0-0 e perso sul campo degli Svizzeri per 2-0. Il Lech non è in un grande momento di forma, considerando che nelle ultime nove partite è riuscito a vincere soltanto una volta, il 23 settembre in casa conbtro il Ruch; nelle restanti otto partite ha riportato tre pareggi e cinque sconfitte. Gara che potrebbe sembrare quindi nettamente in discesa per i fiorentini, ma in campo europeo la prima regola è non sottovalutare mai le avversarie che potrebbero sorprendere in qualsiasi momento. Paulo Sousa, reduce dalla sconfitta del San Paolo contro il Napoli, dovrebbe schierare i suoi ragazzi con il classico 3-4-2-1, con protagonisti Sepe, Tomovic, Roncaglia, Astori, Blaszczykowski, Mati Fernandez, Suarez, Verdù, Pasqual, Babacar e Pepito Rossi.

Leggi anche:  Coppa Italia, Atalanta-Lazio probabili formazioni: Malinovskyi titolare mercoledì?

NAPOLI. Unica squadra italiana a giocare in trasferta, questa sera alle 21.05 sul campo dei danesi del Midtjylland. Scontro ad alta quota, non solo per l’ubicazione della partita, ma anche per la situazione in classifica: entrambe le squadre infatti comandano il girone D a punteggio pieno, dopo che entrambe hanno battuto il Legia Varsavia ed il Club Brugge. Partita quindi di grande importanza che potrebbe permettere alla vincitrice di mettere già un piede e mezzo nei sedicesimi di finale di questa Europa League. Entrambe le compagini stanno attraversando un grande periodo di forma: i padroni di casa vengono quattro vittorie ed un pareggio nelle ultime cinque gare, mentre il Napoli esce vincitore da cinque incontri a questa parte. Previsto un leggero turnover per Sarri, che nel suo 4-3-3 dovrebbe schierare Reina, Maggio, Albiol, Chiriches, Strinic, Allan, Valdifiori, Lopez, Callejon, El Kaddouri e Gabbiadini.

  •   
  •  
  •  
  •