Fiorentina: tra il Belenenses e la Juve si costruisce il futuro

Pubblicato il autore: Vassalli Riccardo

fiorentina blenes
L’Artemio Franchi è pronto a ricevere il Beleneses per l’ultima gara dei gironi di Europa League. Sulla carta il match dovrebbe essere agevole per gli uomini di Pauolo Sousa, che hanno concrete possibilità di passare il turno, ma solamente come secondi, perché il primo posto è blindato dal Basilea. L’armata Svizzera ha perso una sola partita, solamente contro i Belenenses, ecco perché non bisogna prendere sotto gamba l’impegno e prendere seriamente in considerazione il fatto che i portoghesi arriveranno a Firenze per portare a casa la posta piena.
Dall’altra parte però il momento viola è dei migliori, i fiorentini esprimono il calcio (forse) più bello d’Italia e il giusto premio è il secondo posto in campionato. Appunto il campionato..domenica ci sarà il big match contro la Juventus targata Allegri, che ci svelerà quale è la vera forza e maturità della Fiorentina. Ma non è ancora tempo di pensare alla Juventus, non per Pauolo Sousa che in conferenza stampa ammette di pensare solamente all’impegno di Europa League rimandando a un’altra volte le parole per la Juventus. Sousa sta facendo letteralmente innamorare Firenze e dimenticare quanto fatto di buono e bello da Vincenzo Montella. Stasera potrebbe essere un passo importante per una piazza che merita davvero più riconoscenza, poi si penserà al big match con la Juve, questa volta ad armi pari e chi lo sa che Sousa non faccia lo scherzetto al club dove ha vinto tanto da calciatore.

Leggi anche:  José Mourinho, come cambierà la formazione dopo la sosta Nazionale

In caso di qualificazione però la Fiorentina vedrà opporsi una squadra tra: Porto, Leverkusen, Manchester United e Olympiakos, tutte squadre potenzialmente molto forti, ma che non hanno ancora sviluppato la giusta quadratura per fare bene nel europa dei grandi, la Champions League. Ecco che allora urgono risposte anche su questo campo, la Fiorentina può e deve giocarsela con chiunque, anche perché  a gennaio il mister viola otterrà dal mercato quello che vuole, trattasi di uno o più giocatori, specialmente un difensore. In ottica mercato i viola sembrano essere vicini all’acquisto di Lisandro Lopez, giocatore del Benfica.
Sousa ha fatto parlare di sè tra ieri e l’altro ieri, dove è stato protagonista di parole importanti e ambiziose come: ” Entro cinque anni voglio vincere la Champions League sulla panchina della Fiorentina” ma ha dimostrato, ancora una volta, di sapere trattare tutto l’organico allo stesso modo, provando a spegnere i riflettori che si sono abbattuti su Giuseppe “pepito” Rossi nei giorni scorsi., dichiarando che purtroppo anche queste vicende fanno parte del gioco del calcio. Stasera dunque è un occasione da non fallire per il popolo fiorentino e per tutta Italia, visto che manca solo la Fiorentina a Qualificarsi nelle competizioni europee per fare l’amplain italiano, siccome Juve e Roma in Champions e Napoli e Lazio in Europa League, sono già qualificate al prossimo turno.
Paulo Sousa che per passare il turno si affiderà al tradizionale 4-4-2 applicando un turn over, ma non in difesa dove Gonzalo, Tomovic, Astori e Alonso comporranno la linea difensiva, davanti al portiere Sepe. Il centrocampo invece subirà variazioni importanti, con Suarez, in cerca di riscatto, insieme a Gilberto e Pasqual.  La coppia d’attaco, con ogni probabilità sarà composta da Babacar e Rossi, entrambi andati a segno nella trasferta portoghese dell’andata.
Chiare dunque le intenzioni del tecnico viola, che lascia a riposo Kalinic, Ilicic  e Borja Valero.

  •   
  •  
  •  
  •