Shakhtar-Siviglia, i commenti post partita

Pubblicato il autore: Giovanna Samanda Ricchiuti Segui

Shakhtar-Siviglia
Rocambelosco 2-2 tra Shakhtar-Siviglia, nella semifinale giocata il 28 aprile 2016. Vitolo apre le marcature dopo 6 minuti dal fischio d’inizio: lo Shakhtar risponde con un assist di Rakitsky accolto da Marlos che trova il gol del pari. Al 35′ un colpo di testa di Stepanenko permette ai padroni di casa di ribaltare il risultato e portarlo a loro favore. All’82’ ci pensa Gameiro dal dischetto a ristabilire la parità. Ancora aperto il discorso finale: giovedì 5 maggio 2016 le due squadre si giocheranno il posto per Basilea.
Una nota storta di questa serata è il brutto infortunio del giocatore del Siviglia Michael Krohn-Dehli. A seguito di uno scontro con un giocatore avversario, nel secondo tempo, il ginocchio ha subito una brutta ritorsione e ha dovuto abbandonare il campo in barella e tra le lacrime. Ora non resta che aspettare aggiornamenti sulla situazione del giocatore.

Mircea Lucescu, tecnico dello Shakhtar Donetsk, al termine della gara ha detto che il 2-2 è un risultato giusto: “Il risultato riflette esattamente il match di stasera – dice il tecnico degli ucraini -. Nel primo tempo abbiamo creato tanto e avremmo potuto segnare più dei due gol. Poi, nella ripresa, siamo calati fisicamente e abbiamo commesso diversi errori. Il 2-2 lascia spazio ancora a qualsiasi risultato, anche perché fuori casa abbiamo spesso disputato ottime gare”.

Il tecnico del Siviglia, Emery, commenta così il pareggio: “La qualificazione resta in equilibrio. Ho visto due buone squadre che hanno messo in campo tutta la loro qualità. Il 2-2 riflette quanto visto in campo. Lo Shakhtar ci ha costretto alla difensiva nel primo tempo, poi abbiamo attaccato più noi nella ripresa. Ma vincere questa competizione senza soffrire è impensabile: ci è già capitato in passato a Valencia o a San Pietroburgo”.
Sui sui giocatori dice: “Per Konoplyanka è stata dura, soddisfatto per la prestazione di Vitolo che ha recuperato velocemente dall’infortunio. E auguriamo una prona guarigione a Krohn-Dehli”.

NUMERI – Se il Siviglia dovesse andare in finale, sarebbe la terza finale consecutiva per gli spagnoli; in caso di vittoria, potrebbe raggiungere un nuovo record avendo vinto anche le due precedenti. Inoltre, in 4 finali disputate il Siviglia è uscito sempre vincente; è la squadra con più Europa League vinte.
Lo Shakhtar, invece, potrebbe raggiungere la sua seconda finale, dopo averne vinta una già nel 2009 sempre con Lucescu in panchina.

  •   
  •  
  •  
  •