Disfatta Inter, De Boer : “Sbagliato approccio. Giocando così è difficile vincere”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
sparta.praga.gruppo.esultanza.inter.2016.2017.750x450Un’altra figuraccia. La seconda in quindici giorni. La seconda in due partite di Europa League disputate. La versione europea dell’Inter di Frank De Boer fatica a materializzarsi come un qualcosa che somigli lontanamente ad una squadra di calcio, organizzata e compatta, ed è stata travolta a Praga dallo Sparta, facilmente vittoriosa sui nerazzurri per 3 a 1. L’Inter è stata troppo brutta per essere vera specialmente dopo la “rinascita” mostrata contro la Juventus e la crescita confermata anche contro l’Empoli. Adesso, dopo la seconda sconfitta consecutiva, la strada europea dei nerazzurri diventa in salita. Ma stando alle due uscite contro Hapoel Beer Sheva e Sparta Praga viene da chiedersi se questa Inter tenga veramente all’Europa League.
Al termine della gara contro i cechi il tecnico De Boer ha provato a spiegare le ragioni della sconfitta.
“Abbiamo sbagliato l’atteggiamento iniziale e se si parte male si può parlare di tattica quanto vuoi ma la prima cosa è metterci la testa giusta – ha dichiarato De Boer – . Abbiamo regalato il secondo gol e non è possibile concedere così tanto.  Nel secondo tempo la squadra è migliorata un po ma non come avrei voluto. Il cartellino rosso ci ha tagliato le gambe ed è stata la fine.  La squadra ha sbagliato approccio, dovevamo stare in campo meglio ed abbiamo regalato troppe palle agli avversari. Dobbiamo migliorare in tante cose altrimenti sarà difficile anche nelle altre gare. Gnoukouri ha bisogno di giocare ma devo gestire i giocatori in base anche agli impegni. Ad esempio Medel ed Icardi hanno giocato sempre ed era necessario gestirli anche in vista di domenica. Adesso la nostra Europa League si complica ma dobbiamo vincere le prossime partite. Nulla è impossibile ma dobbiamo cambiare atteggiamento.
Al termine della gara ai microfoni Sky ha parlato anche il centrocampista Felipe Melo che ha chiamato la squadra ad uscire fuori il carattere.
” Giocare in Europa non è semplice e non è come in Italia. Dobbiamo giocare tutte le partite come se fossere un derby. Abbiamo iniziato a giocare soltanto dopo il due a zero e questo non è accettabile. Adesso dobbiamo tirare fuori tutto quello che abbiamo dentro e dobbiamo pensare a preparare al meglio la gara contro la Roma”.
  •   
  •  
  •  
  •