Ibrahimovic record: a segno in Europa con sette maglie diverse

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic

Ibrahimovic firma un altro record nella sua strepitosa carriera calcistica, con il gol allo Zorya lo svedese infatti ha segnato in Europa con sette maglie differenti. Il gol segnato ieri sera non solo è valso i primi tre punti per il Manchester United in Europa League, ma ha anche consentito a Ibrahimovic di entrare ancora di più nella storia del calcio. Ajax,Inter,Juventus,Milan,Barcellona, Psg e ora i Red Devils, la collezione delle sette meraviglie è completa per uno dei più forte giocatori degli ultimi anni. Anche a quasi 35 anni, in una squadra ricca di campioni come quella di Mourinho, Ibrahimovic riesce ancora ad essere decisivo e imprescindibile. Sono 52 i gol in 129 partite giocate nelle coppe europee, un gol ogni due partite, statistiche che smentiscono i detrattori di Ibrahimovic che gli hanno sempre rinfacciato di non essere mai decisivo in Europa. A conferma di questa accusa c’è sicuramente il fatto di non essere mai riuscito ad alzare la Champions League, nonostante abbia giocato con grandissime squadre. La stagione del Manchester United è partita a singhiozzo, Ibrahimovic già più di una volta ha tolto le castagne dal fuoco a Mourinho. Ibrahimovic è ancora un giocatore al top, ha scelto il Manchester United proprio per cercare di continuare a vincere in campo nazionale, con magari l’Europa League che potrebbe diventare un obiettivo strada facendo.
Segnare con sette squadre diverse in Europa non è primato esclusivo di Ibrahimovic, infatti di questo primato possono fregiarsi anche Adrian Mutu e John Carew. Il rumeno ha segnato in Europa, come Ibrahimovic, con 3 squadre italiane: Parma, Fiorentina e Juventus. Le altre sono state Chelsea, Petrolul Ploiesti, Arges Pitesti e Dinamo Bucarest. Carew, invece, oltre a segnare in Coppa Uefa con la Roma, andò in rete con Aston Villa, Lione, Valencia e Besiktas oltre alle due norvegesi Rosenborg e Valerenga. Conoscendo Ibrahimovic non sarà contento di dividere questo record con due giocatori sicuramente buoni, ma non certo del suo livello. Magari dopo l’esperienza con il Manchester United, Ibra cercherà una nuova squadra, una nuova meraviglia, l’ottava della sua strepitosa storia calcistica.

  •   
  •  
  •  
  •