Spalletti Roma con il problema rimonte. Ancora una bocciatura per Iturbe

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Spalletti Roma, i giallorossi con il problema rimonte, come risolverlo?

Spalletti Roma

Spalletti Roma

Spalletti Roma, i giallorossi in versione 2016/2017 farebbero impazzire anche Freud, con l’Austria Vienna Totti e compagni hanno buttato all’aria una vittoria oramai conquistata, lasciando aperti i giochi nel girone di Europa League. Non è la prima volta che la Roma viene rimontata, tra campionato ed Europa League sono ben cinque le rimonte subite, anche con il doppio vantaggio. La prima rimonta è stata quella subita a Cagliari, dove i giallorossi, avanti di due reti, si sono fatti raggiungere sul pareggio, rischiando anche la sconfitta nel finale. Altra rimonta subita dalla Roma è stata quella contro l’Inter all’Olimpico, il gol di Banega pareggiò quello di Dzeko, ma in quell’occasione i giallorossi sono riusciti a vincere grazie al rocambolesco autogol di Icardi. E’ andata peggio in Europa League, sia contro il Viktoria Plzen che contro l’Austria Vienna, non esattamente Barcellona o Real Madrid. i giallorossi non sono riusciti a gestire il vantaggio fino in fondo. Anche il primo impegno ufficiale della stagione è coinciso con una rimonta subita, a Oporto infatti la Roma era avanti, salvo poi farsi raggiungere per poi crollare al ritorno del playoff di Champions League. Spalletti Roma dovranno cercare di risolvere il problema delle rimonte, che sembra più psicologico che fisico, i giallorossi devono giocare sempre a mille all’ora appena si rilassano prendono gol il più delle volte evitabili. Il fenomeno delle rimonte avviene per lo più contro squadre di livello inferiore rispetto alla Roma, un problema che alla lunga potrebbe costare molto caro a uno Spalletti molto deluso dopo il 3-3 con l’Austria Vienna.

Leggi anche:  Napoli-Reijeka, Gattuso: "Alzare l'asticella, mancano cattiveria e malizia"

Spalletti Roma, Gerson da rivedere, bocciato Iturbe

Per quanto riguarda la prova dei singoli contro l’Austria Vienna c’è stato il solito illuminante Totti, autore di assist deliziosi prima per El Shaarawy e poi per Florenzi. Bene i due azzurri, il Faraone ha confermato di trovarsi benissimo negli schemi di Spalletti, prezioso come sempre il jolly giallorosso Florenzi, uscito lui si è spenta la luce. Da rivedere Gerson, il giovane centrocampista deve ancora inserirsi nei meccanismi di gioco giallorossi, come sottolineato dallo stesso Spalletti a fine partita. Male Iturbe, ancora una volta, la difesa dell’Austria Vienna non è certo delle più arcigne, ma l’ex Verona si incarta e non riesce mai ad essere pericoloso negli ultimi 16 metri.
Archiviata la serata di Europa League Spalletti Roma sono già concentrati sul prossimo match di campionato contro il Palermo di De Zerbi. Nella partita contro i rosanero sarà vietata la più piccola distrazione, i giallorossi devono cercare i tre punti, visto che c’è Milan-Juventus, vincendo Spalletti automaticamente rosicchierà punti.

  •   
  •  
  •  
  •